Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

Sarri: “L’esperienza di Napoli è come questa alla Lazio. Sono felice di rimanere”

 (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Le dichiarazione del tecnico biancoceleste

Giovanni Montuori

Dopo la sconfitta col Sassuolo la Lazio deve guardare avanti. Domani alle 18,30 i biancocelesti di Maurizio Sarri torneranno in campo all'Olimpico contro il Genoa. Il tecnico toscano ha presento la gara in conferenza.

Sarri: "L'esperienza di Napoli è come questa alla Lazio"

 (Getty Images)

Venite da due giorni caldi, ha visto che il messaggio è stato recepito dalla squadra?

"Questa è una squadra che ha un buon livello di applicazione, non deve recepire messaggi. Il campionato è chiaro: l'Europa League ci sta tritando, per colpe nostre. Dopo le partite di Europa League abbiamo una media molto più bassa, ti porta ad avere punti in meno. La squadra non riesce a gestire confronti così ravvicinati, soprattutto se si parla di confronti europei. Questo è il nostro limite attuale ed è la differenza tra la squadra forte e la squadra normale. La squadra forte riesce anche in condizioni precarie a strappare uno 0-0 o vincere 1-0 non meritando, noi invece arriviamo completamente scarichi. Non è questione di recepire messaggi: la squadra si allena bene".

Rinnovo annunciato, quale obiettivo vi siete dati?

"Di costruire una squadra giovane, destinata almeno in teoria a crescere nel tempo, facendo un percorso. Poi dove possa portarci non lo sa nessuno, però secondo noi è la strada più percorribile".

Genoa e Venezia, cosa si aspetta?

"Che si giochino. Abbiamo perso delle partite per non aver giocato. Poi vediamo come vanno, è chiaro che per noi è un discorso di cercare di togliersi i difetti che abbiamo mostrato finora, più che la classifica. Questa è una conseguenza: se riusciamo a toglierci certi difetti, migliora come logica conseguenza. Mi aspetto due partite giocate, fino in fondo".

Com'è l'umore della squadra?

"Abbiamo parlato di un problema, che è inconscio: nessuno vuole arrivare scarico alla partita. Essendo inconscio, è più difficile da risolvere. Nessuno arriva, dopo il giovedì europeo, completamente carico: basta guardare i risultati, è un'ecatombe. Però la capacità di tirare fuori punti in situazioni difficili è la differenza con le squadre forti. Noi non l'abbiamo dimostrato".

Zaccagni, Pedro e Luis Alberto a disposizione?

"Spero di sì, ieri hanno fatto tutto l'allenamento tutti e tre. Zaccagni aveva preso un colpo, Luis sembra in via di risoluzione, Pedro aveva solo un affaticamento".

Previsti cinquemila tifosi. Incide l'orario, ma riempire l'Olimpico è un obiettivo per la squadra?

"È una conseguenza. Se la squadra fa bene il pubblico torna e in grande numero. Se dà questi segnali, il pubblico viene meno".

La classifica lei dice di non volerla guardare. I giocatori però hanno l'obiettivo Champions in testa?

"Non so nemmeno dove siamo, aggiornatemi. Però non esageriamo: la Lazio ha fatto la Champions un anno in un momento storico in cui non c'erano né Inter né Milan. Non esageriamo, ha raggiunto questo obiettivo quando non c'erano loro. Adesso, se rapporti agli ultimi due anni, la situazione è più complicata".

Forse è stata posta l'asticella in alto?

"Nella testa dei calciatori ci deve essere solo di non mostrare certi difetti".

Perché qualcuno, Acerbi su tutti, sta impiegando più tempo a recepire i suoi dettami?

"È chiaro che i difensori possono avere difficoltà maggiori. In questo momento salta all'occhio che abbiamo tre che fanno bene: Zaccagni, Pedro e Basic. Non erano qui l'anno scorso, forse venendo da fuori il cambiamento è più assorbibile".

Il Porto?

"Non saprei neanche che dire. Se mi metto a guardare il Porto ora... Mi sembra che ci sia capitata una squadra forte, era difficile che fosse debole visto il regolamento attuale di Europa League. Noi forse abbiamo trovato una delle più forti".

A livello di gioco che gara vorrebbe domani?

"Il gioco è figlio della determinazione, non ho mai visto una squadra poco attivata fare la partita. Bisogna ripartire da lì, quando il livello di attivazione è basso non ho mai visto una squadra funzionare".

Viste le parole di Lotito, da quanto non si sentiva così al centro?

"Penso che l'esperienza di Napoli fosse tipo questa, molto più veloce però il fulcro era l'allenatore come sta succedendo qui. È il motivo per cui ho sempre detto che qui sto bene e che ci vorrei rimanere".