Jacobelli: “La sfida tra Juve e Napoli si deve e si può disputare, è uno spareggio Champions”

di Edoardo Riccio

Quest’oggi, ai microfoni di TMW Radio, Xavier Jacobelli ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Napoli e della prossima gara in programma con la Juve. Il direttore di Tuttosport ha, inoltre, analizzato la situazione, piuttosto delicata, che si sta vivendo in casa bianconera.

Jacobelli: “Il Napoli potrebbe aggravare la condizione della Juve”

(Getty Images)

Di seguito le parole rilasciate da Xavier Jacobelli:

Sulla sfida tra Juve e Napoli

È evidente che sia importante soprattutto per Pirlo, anche per gli ultimi risultati. Questa era considerata una sfida scudetto ma si è trasformata in uno spareggio Champions. Per il bilancio è di vitale importanza vincere. Pirlo si attende una risposta dalla squadra e la società si aspetta una risposta importante da Pirlo e dalla squadra. In caso di sorpasso del Napoli, la situazione diverrebbe complicata“.

Su Pirlo in caso di sconfitta della Juve

Dipende. In questo momento è difficile fare previsioni. Vedremo come andrà, poi ci sarà un altro spareggio con l’Atalanta più avanti. La Juventus non è abituata a cambiare in corsa. È normale che una squadra che ha vinto 9 titoli di fila non possa sempre continuare a vincere.

Sono stati commessi degli errori da Pirlo e non solo. Una mancata qualificazione alla Champions comporterebbe un ridimensionamento delle ambizioni e anche un mercato in uscita importante”.

Sulla possibilità della Juve di non centrare la prossima qualificazione alla Champions 

Sono dieci partite in cui tutto può accadere. La concorrenza è agguerrita, i posti in palio sono tre, visto che l’Inter sembra lanciata verso lo Scudetto. Questa situazione deve spingere i giocatori della Juventus a reagire. Non c’è in ballo solo la qualificazione alla Champions ma anche una strategia impostata sul rinnovo dell’organico“.

Sulla possibilità di rinvio della gara per i nuovi casi Covid

La situazione a ottobre scorso era profondamente diversa. Oggi la partita si deve e si può disputare. La Juve ha tre assenti per Covid, ma sappiamo cosa dispone il protocollo. Bisogna mettersi in testa che con il Covid bisognerà convivere ancora per molto”.

SEGUICI SU TWITTER 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy