Hellas Verona, Faraoni: “Non è il momento di pensare al mercato, anche se la Lazio…”

Hellas Verona, Faraoni: “Non è il momento di pensare al mercato, anche se la Lazio…”

di Francesco Melluccio
Serie A, le compagnie assicurative

Davide Faraoni, difensore dell’Hellas Verona, è intervenuto ai microfoni de L’Arena per parlare della possibile ripresa della Serie A ed in generale del suo futuro. L’ex Inter non ha nascosto la possibilità di tornare alla Lazio, squadra in cui è cresciuto, specificando però che non è il momento giusto per parlare di calciomercato.

LE PAROLE DI DAVIDE FARAONI

Serie A, le compagnie assicurative

“Non è stato un bel periodo, per fortuna avevo con me la mia famiglia. La Germania intanto è ripartita ma il calcio senza pubblico è innaturale. Riguardo alle notizie di mercato mi fa piacere l’accostamento alla Lazio, indipendentemente dal fatto che sia la squadra in cui sono cresciuto, ma al momento vedo distante l’inizio del campionato, figurarsi il mercato. Io comunque sto bene a Verona e ho un contratto che scade nel 2021, dunque al momento penso solo a terminare al meglio questa stagione. Non vedo l’ora di riprendere a giocare con il Verona. Se dovessimo ripartire dovremmo farlo con la testa giusta”.

SULLA RIPRESA DEGLI ALLENAMENTI

“Tornare a Peschiera, seppur fra mille controlli e limitazioni, è stata una vera iniezione di felicità. Riprendere a correre in campo è importantissimo, e poi rivedere mister Juric e i compagni è stato un toccasana per tutti. Certo, ci salutiamo al massimo con i gomiti, arriviamo al campo già vestiti, corriamo scaglionati e ci facciamo la doccia a casa, ma questo è l’unico modo per ricominciare garantendo sicurezza. Le partite senza pubblico sono innaturali: la gente, la partecipazione e i cori sono ingredienti necessari per il calcio. Adesso però bisogna andare oltre e adattarsi a giocare così. Saremo tutti svantaggiati da una sosta così lunga, noi dovremo solo cercare di ripartire forte”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy