Gosens: “Chiesi la maglia a CR7, neanche mi guardò. Mi sono vergognato molto”

di Mattia Fele, @FeleMattia
ronaldo

Robin Gosens è uno dei giocatori più promettenti del nostro campionato. Gasperini lo ha trasformato in un vero goleador anche se il tedesco parte dalla fascia (quella sinistra, dove spesso rifinisce i cross che giungono dal lato opposto). Nessun difensore ha segnato come lui nel nostro campionato, e grazie al suo contributo l’Atalanta non smette di crescere e stabilizzarsi – anche in classifica – come realtà agli occhi di tutti. Il giocatore, come accade spesso al giorno d’oggi, ha fatto curare una sua biografia in uscita giovedì prossimo, nella quale racconta un episodio avvenuto dopo una gara contro la Juventus, con protagonisti lui e Cristiano Ronaldo. Il portoghese non ci ha fatto una gran bella figura…

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SUL CALCIO NAPOLI CLICCANDO QUI

La confessione di Gosens su Ronaldo: “Mi ha fatto vergognare”

top&flop
BERGAMO, ITALY – FEBRUARY 06: Robin Gosens of Atalanta BC celebrates his goal during the Serie A match between Atalanta BC and Torino FC at Gewiss Stadium on February 06, 2021 in Bergamo, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Così ha raccontato Gosens, in una parte di un’autobiografia che uscirà prossimamente:

Dopo la partita contro la Juventus, ho cercato di realizzare il mio sogno di avere la maglia di Ronaldo. Dopo il fischio finale sono andato da lui, non sono nemmeno andato dal pubblico per festeggiare… ma Ronaldo non ha accettato. Gli ho chiesto: ‘Cristiano, posso avere la tua maglietta? Non mi ha nemmeno guardato, ha detto solo: ‘No!’. Ero completamente arrossito e mi vergognavo. Sono andato via e mi sono sentito piccolo. Hai presente quel momento in cui accade qualcosa di imbarazzante e ti guardi intorno per vedere se qualcuno l’ha notato? È quello che ho provato e ho cercato di nasconderlo”.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER CLICCANDO QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy