Cagliari, Godin: “Qui per tradizione e per mia moglie, ma vengo con umiltà. Obiettivo Qatar 2022”

di Mattia Fele

Diego Godin, ha lasciato l’Inter per unirsi al Cagliari, la squadra della città della moglie Sofia. Una scelta di cuore, di famiglia ma anche di carattere, per un giocatore così importante che riparte da una realtà minore rispetto a quelle già calcate. Addirittura è probabile che l’uruguaiano finisca la carriera in Sardegna, dove vorrebbe farsi notare e tenersi in forma in vista del mondiale in Qatar, che si terrà nel dicembre 2022.

HYSAJ POTREBBE LASCIARE IL NAPOLI, LEGGI QUI

Le parole di Godin

Godin, Inter (Getty Images)

“Sono molto contento di essere qua e indossare questa maglia, non vedo l’ora di partire. Ma vengo con umiltà, con voglia di imparare e dare il mio contributo anche perché il presidente ha fatto un grosso sforzo per portarmi a Cagliari. Sono contento di essere nella città in cui è nata e cresciuta mia moglie Sofia. Siamo uruguaiani, ma voglio vedere e vivere questa città di cui mi hanno tanto parlato. Anche i genitori di Sofia, mio suocero ha giocato col Cagliari, sono contenti di questa scelta. È un posto dove si può stare bene, vivere felici dopo l’allenamento. Anche la tradizione mi ha aiutato a prendere questa decisione con tanti giocatori uruguaiani che hanno giocato qui, anche l’allenatore della nazionale Tabarez è stato qui. Si è creato un avvicinamento speciale tra Uruguay e Cagliari. Voglio giocare il Mondiale fra due anni con la Nazionale. Sto bene, mi sento in forma”. 

SEGUICI ANCHE SU TWITTER 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy