Bucchioni: “Il secondo rigore per la Juve non c’era, chiamarlo dopo aver rivisto al VAR è inconcepibile”

Bucchioni: “Il secondo rigore per la Juve non c’era, chiamarlo dopo aver rivisto al VAR è inconcepibile”

di Armando Inneguale, @ArmInne28

Il giornalista Enzo Bucchioni, vicino alle vicende della squadra allenata da Iachini, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, nel corso della trasmissione radiofonica Radio Goal. Di seguito le sue parole su Juventus-Fiorentina.

“La direzione di gara di Juventus-Fiorentina non è stata normale. Il secondo rigore per i bianconeri non c’era. Non capisco come sia possibile che l’arbitro, dopo avere visto l’episodio al Var, non abbia cambiato idea. Credo che Pasqua non stia attraversando un grande momento di forma. C’era un altro rigore su Ronaldo per una trattenuta? Non lo so, in area certi episodi sono molto dubbi”.

“Sicuramente la Juventus avrebbe vinto lo stesso contro la Fiorentina perché ha tanti calciatori importanti. Rocco Commisso probabilmente ha sbagliato i toni, è stato eccessivo preso dalla foga del momento. Lui è un neofita del nostro calcio, ma il suo concetto è corretto e condivisibile. Il problema non è la Juventus, ma la gestione della partite che cambia da arbitro ad arbitro”.

LE PAROLE DI BUCCHIONI SU SAMPDORIA – NAPOLI

NAPLES, ITALY – SEPTEMBER 14: Piotr Zielinski of SSC Napoli vies with Albin Ekdal of UC Sampdoria during the Serie A match between SSC Napoli and UC Sampdoria at Stadio San Paolo on September 14, 2019 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

È intervenuto, poi, anche ai microfoni di Radio Marte rilasciando alcune dichiarazioni sulla formazione che schiererà Gattuso contro la Sampdoria. Di seguito quanto detto.

“Il Napoli era partito per vincere lo scudetto e se ritrova lo spirito giusto non si può precludere alcun obiettivo. Stasera il Napoli non dove buttarsi avanti perché la Samp chiuderà gli esterni e gli azzurri dovranno trovare altri varchi. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy