Il virologo Bassetti accusa: “Ho sempre detto di fare il vaccino ai calciatori, ma sono stato insultato!”

di Giovanni Montuori

Matteo Bassetti, primario all’ospedale San Martino di Genova, é intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli per parlare del vaccino per i calciatori. Di seguito le sue dichiarazioni.

Bassetti sul vaccino ai calciatori

Vaccino calciatori
Stadio Diego Armando Maradona (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

“Ho sempre detto che bisognava somministrare il vaccino i calciatori di Serie A, però sono stato insultato per quello che dissi 3 mesi fa. Sarebbe stato un buon segnale. Ora sono contento di vedere che la Nazionale ha vaccinato i suoi calciatori.

Un altro bellissimo segnale sarebbe quello di riaprire gli stadi al pubblico magari facendo un ragionamento sulla percentuale rispetto al totale. Innanzitutto si è all’aperto, se guardo una partita senza pubblico non è vero calcio sembra un allenamento.

L’ipocrisia italica alle volte mi spiazza. Molto più facile vietare che aprire, ma con responsabilità. La festa scudetto? Ci permette di fare una sorta di esperimento. La vittoria della Coppa Italia del Napoli, la morte di Maradona ed il tricolore all’Inter sono un esperimento.

Ieri in Inghilterra un solo decesso per covid, il vaccino di massa è l’unico sistema per tornare alla normalità. Se vogliamo fare la vita di prima l’unico modo è vaccinarsi. Credo faremo anche altri richiami per battere le varianti. Si andrà verso una vaccinazione annuale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy