Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

Codacons, Di Ascenzio: “DAZN, quale pirateria. Vogliono solo aumentare incassi”

MILAN, ITALY - NOVEMBER 07: Diletta Leotta (L) of DAZN looks on before the Serie A match between AC Milan and FC Internazionale at Stadio Giuseppe Meazza on November 07, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Gianluca Di Ascenzio, presidente del Codacons, è intervenuto a "1 Football Club", programma in onda su 1 Station Radio

Francesco Melluccio

Gianluca Di Ascenzio, presidente del Codacons, è intervenuto a "1 Football Club", programma in onda su 1 Station Radio. Ha parlato della decisione di DAZN di sospendere la visione su doppi dispositivi, trasformatasi praticamente in una rivolta dei consumatori. Il Codacons si è opposto, anche con note ufficiali, alla scelta molto discutibile del servizio streaming.

Le parole del presidente del Codacons sulla scelta di DAZN

DORTMUND, GERMANY - NOVEMBER 03: A detailed view of a TV microphone with DAZN branding is pictured the UEFA Champions League group C match between Borussia Dortmund and AFC Ajax at Signal Iduna Park on November 03, 2021 in Dortmund, Germany. (Photo by Alex Grimm/Getty Images)

Di seguito le parole di Gianluca Di Ascenzio, presidente del Codacons, su DAZN.

"Il 16 novembre ci sarà l’incontro tra il ministro Giorgetti e gli esponenti di Dazn. La piattaforma, ad oggi, non ha ancora confermato la scelta di eliminare la concurrency, ma, per ora, le voci hanno generato il panico tra gli abbonati. Noi, come Codacons, abbiamo diffidato Dazn per chiedere se hanno davvero intenzione di modificare unilateralmente il contratto: in tal caso, ci muoveremo di conseguenza. Tutti noi siamo d’accordo che la pirateria crei un grosso danno, ma ci sono altri modi per contrastarlo.

La Gdf e la Polizia Postale fanno già un grandissimo lavoro. La sensazione è che la piattaforma, con la scusa di voler combattere la pirateria, voglia spingere gli utenti a rescindere l’attuale contratto per farne un altro ad un prezzo più elevato. Inutile dire che offrano la disdetta gratuita: una volta fatta, l’utente sarebbe comunque costretto ad abbonarsi di nuovo con loro, visto che sono gli unici ad avere tutte le gare di Serie A. Andrebbe fatta, dunque, una riflessione sul perché siano stati assegnati i diritti a Dazn: io, da uomo della strada, dico sia solo un fattore economico. Le perplessità sulla piattaforma erano vive già prima di questa stagione, ma si è andati avanti lo stesso. Speriamo nella buona riuscita della mediazione del Mise e, qualora non dovessero riuscirci, siamo pronti a portare Dazn in tribunale".