Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rubriche

PUNTI DI SVISTA – Si chiude il 2021 del Napoli: bilancio positivo o in chiaroscuro?

PUNTI DI SVISTA – Si chiude il 2021 del Napoli: bilancio positivo o in chiaroscuro?

Si è appena chiuso il 2021 del Napoli ed è dunque tempo per un bilancio. La squadra di Gattuso prima e Spalletti poi ha sempre navigato nelle parti alte della classifica

Redazione

In Italia 60 milioni di CT, il calcio da sempre unisce e divide l'opinione pubblica. Noi di calcionapoli1926.it, commenteremo una notizia un fatto un accadimento visto da prospettive opposte, con Giuseppe Canetti e Tony Sarnataro.

Si è appena chiuso il 2021 del Napoli ed è dunque tempo per un bilancio. La squadra di Gattuso prima e Spalletti poi ha sempre navigato nelle parti alte della classifica, ma non sempre i risultati sono stati all'altezza delle potenzialità della rosa e di quanto richiesto dalla tifoseria. La delusione più cocente è la Champions sfumata nell'ultima giornata lo scorso maggio contro il Verona, la gioia più grande la svolta Spalletti con le 8 vittorie iniziali. Allora qual è il bilancio? Positivo, negativo o in chiaroscuro?

Pensiero Canetti: bilancio 2021 Napoli in chiaroscuro, si poteva fare di più

 (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Dallo Spezia allo Spezia: il Napoli chiude il 2021 come lo aveva iniziato, con una sconfitta. Tuttavia, la squadra di Spalletti rispetto a quella guidata da Gattuso è tutta un’altra storia. Certo, i difetti annosi non sono stati ancora cancellati, come ad esempio il costante venir meno nei momenti cruciali della stagione. Ma non si può ignorare il netto cambio di rotta palesatosi tra le due gestioni. Il tecnico di Certaldo, dal primo giorno in cui ha sposato il progetto azzurro, si è impegnato a ricostruire il rapporto tra la squadra e la città, che si era praticamente azzerato (per non dire peggio) dopo il silenzio stampa indotto dalle uscite infelici del tecnico calabrese e dopo la tragica partita con il Verona, che era costata la qualificazione in Champions League. Poi, lo Spallettone– come lo ha ribattezzato Mourinho - ha cominciato a trasmettere ai calciatori la mentalità dello “zero alibi”. Passo fondamentale per la crescita del gruppo e in controtendenza con quanto era tristemente avvenuto nei mesi precedenti. Nonché ha valorizzato la rosa a 360 gradi proprio come voluto dal presidente De Laurentiis. Infine, al netto delle recenti difficoltà, non si può negare che il Napoli di questa prima parte di campionato sia uno dei più promettenti della storia recente. Se solo si pensa alle prime dodici giornate, e soprattutto a quello che si diceva un mese fa, ben si comprende che sarebbe meglio evitare paragoni improvvidi con il recente e burrascoso passato.

Dunque, secondo chi vi scrive, se la seconda parte di anno è stata molto soddisfacente, quello che è venuto prima ha rovinato il giudizio complessivo.

Pensiero Sarnataro: bilancio positivo, Gattuso ha costruito

 (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Non si può negare che il Napoli con Spalletti sembra aver cambiato, decisamente, passo. Al netto delle ultime sconfitte, la seconda parte del 2021 azzurro ha mostrato un volto diverso rispetto quello della prima parte. Ma anche quello, quindi parliamo del Napoli di Gattuso, non è stato poi così malvagio da far apparire il bilancio del 2021 in chiaroscuro. Il pareggio contro l'Hellas Verona è una delusione ancora cocente e inspiegabile, ma non si può pensare un intero ciclo solo per quella partita lì. Bisogna tener conto anche di quanto fatto prima, con la rincorsa Champions tenuta aperta e possibile grazie ad una serie di risultati importanti e tante vittorie. L'ex tecnico azzurro ha posto le basi per il Napoli di Spalletti, come sottolineato anche dallo stesso Insigne in una recente intervista. In cui dichiara fondamentale Gattuso per la sua rinascita. Dunque il Napoli è tutto da promuovere nel 2021. Inoltre i recenti risultati hanno dimostrato come anche questo di Spalletti tanto elogiato sembra non esente da difficoltà e inciampi. Dunque non esiste un Napoli di serie A o di serie B in questo 2021. Resta un anno nel complesso positivo per gli azzurri. Non parliamo di un anno indimenticabile né di una squadra imbattibile. Con i propri pregi (tanti) ma anche i difetti che questa rosa ha. Voto discreto, non di più. Ma bilancio positivo e si può guardare al futuro con un cauto ottimismo. A buon rendere nel 2022.

Caro lettore, dopo aver letto l’articolo, sei d’accordo con Canetti, Sarnataro o hanno preso una SVISTA entrambi?

A cura di GIUSEPPE CANETTI e TONY SARNATARO

©RIPRODUZIONE RISERVATA