Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Sconcerti: “Osimhen? La sua assenza vale quasi un punto ogni due partite!”

(Photo by Getty Images)

Mario Sconcerti ha parlato di Victor Osimhen e del rendimento del Napoli in sua assenza ai microfoni di calciomercato.com

Mattia Fele

Il Napoli è atteso da un tour de force clamoroso in campionato: dopo l'Inter ecco la Lazio, il Sassuolo, l'Atalanta, l'Empoli e il Milan. La prima di queste gare sarà contro i biancocelesti di Maurizio Sarri, reduci da una sconfitta casalinga contro la Juventus. Questo ciclo di partite dovrà essere gestito in assenza di Victor Osimhen, nonché di Anguissa (che potrebbe tornare però per le ultime due ndr).

Sconcerti: "Napoli, senza Osimhen perderai 5-6 punti..."

  (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Di seguito il contenuto dell'appuntamento di Mario Sconcerti a calciomercato.com, chiamato Un cappuccino con Sconcerti:

"Ho tentato di quantificare i danni del Napoli in classifica per lunga assenza di Osimhen. Come? Guardando lo scorso campionato il rendimento della squadra con e senza di lui. Anche la scorsa stagione Osimhen restò fuori a lungo. Si infortunò gravemente alla spalla poi ebbe il Covid saltando dall’ottava alla ventunesima partita compresa, una pausa vicina a quella a cui sarebbe costretto oggi. Rientrò in cattive condizioni per tre giornate, non tutte da titolare, poi uscì di nuovo. Il suo ritorno vero fu alla ventinovesima partita. Da lì giocò sempre fino alla fine. 

Nelle sue assenze, in totale 18 partite, il Napoli fece 35 punti, (l’Inter 45, il Milan 37) una media di 1.94 a gara. Nelle dieci partite finali in cui tornò, il Napoli fece 24 punti, media 2.4 a gara (Inter 2.4, Milan 2.1 nello stesso periodo). In quelle dieci partite Osimhen segnò 7 reti. La differenza è dunque di 0.46 punti a partita. Un punto ogni due partite. Se come si ipotizza dovesse tornare tra 90 giorni, rientrerebbe a Cagliari, ventiseiesima giornata. Sarebbero 12 partite, tra 5 e 6 i punti persi. Ho tralasciato le prime sette gare dove la differenza di Osimhen si intravedeva ma non c’era ancora".