Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Ciclone Osimhen, adesso è un fattore sul campionato. Il focus

Victor Osimhen (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

La Rosea, inoltre, si sofferma sul gran lavoro fatto da Luciano Spalletti sul nigeriano

Giuseppe Canetti

L'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport ha dedicato un ampio focus a Victor Osimhen, trascinatore del Napoli in questa prima parte di stagione. Di seguito l'analisi del quotidiano.

Un anno fa rientrava dall’Africa con la spalla lussata e rimaneva quasi tre mesi out

 Foto by Getty

Ecco quanto scritto sulla Rosea su Victor Osimhen:

L'evoluzione

"Adesso anche gli addetti ai lavori cominciano a parlare di “fattore Osimhen” sul campionato. E lui, Victor, è diventato un ciclone che non accenna a fermarsi. Proprio ieri ha mostrato anche in nazionale la sua facilità ad andare in gol, segnando uno dei due gol con la quale la Nigeria ha vinto in casa della Repubblica Centroafricana. Facendo così salire le quotazioni di qualificazione al Mondiale in Qatar per le Super Eagles. Una rete apparentemente facile, con un piattone in piena area, ma che sottolinea pure l’evoluzione di questo centravanti, inizialmente valorizzato solo come scattista e contropiedista, che però sta imparando a rendersi pericolosissimo in area seguendo il movimento dei compagni e riuscendo spesso a smarcarsi anche negli spazi più ristretti. Adesso sta imparando ad affinare i compiti e soprattutto a leggere i momenti diversi della partita. Offrendo ai centrocampisti l’opzione lancio con le difese avversarie alte, che concedono spazi. Ma facendosi trovare anche in area per sponde e conclusioni con linee più basse e chiuse. Una qualità di giocate e un entusiasmo che naturalmente è musica per le orecchie di Luciano Spalletti".

Il lavoro di Spalletti su Osimhen

"Il tecnico toscano sin dal primo giorno di ritiro in Val di Sole ha dedicato particolari attenzioni alla crescita tecnica del giocatore, un diamante grezzo per certi versi. Anche perché il suo primo anno italiano è stato costellato da più infortuni che ne hanno limitato presenze e rendimento. Il tecnico lo ha stimolato, elogiato, ma anche bacchettato per la manata di reazione contro il Venezia alla prima giornata che gli costò l’espulsione. Victor sta apprendendo in fretta la lezione, smussando in campo certi eccessi nei comportamenti e badando al sodo. Del resto è già a quota 7 gol stagionali col Napoli, quando nella scorsa annata era arrivato a 10. Un anno fa in questi giorni rientrava dall’Africa con la spalla destra lussata e rimaneva quasi tre mesi fuori squadra. Domani invece rientrerà dal suo continente un giocatore col morale a mille, entusiasta e pronto ad allenarsi con i compagni a Castel Volturno per riprendere la corsa scudetto".