Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Spalletti, no al turnover: la rivoluzione è nel ‘mentre’. II dato sulle sostituzioni – CdS

Luciano Spalletti e Lorenzo Insigne (Getty Images)

"In sette domeniche e un paio di giovedì Luciano Spalletti s’è costruito due Napoli"

Giuseppe Canetti

L'edizione odierna de Il Corriere dello Sport esalta il grande lavoro di Luciano Spalletti in questi primi mesi alla guida del Napoli. C'è un dato che sottolinea la capacità del tecnico toscano di cambiare le partite in corso. Di seguito l'analisi del quotidiano.

"In nove gare, ha effettuato 43 cambi su 45 disponibili"

 Foto by Getty

L'analisi del quotidiano:

"In sette domeniche e un paio di giovedì Luciano Spalletti s’è costruito due Napoli. Ereditati da una campagna acquisti nella quale qualcosa è stata sacrificata (via Maksimovic e Hysaj a parametro zero e Bakayoko per fine prestito). Altro è stato sottratto dalla sorte (gli infortuni di Mertens e di Demme che si sono aggiunti a quello ormai storico dello sfortunatissimo Ghoulam). E nel last minute, poi, molto è stato aggiunto, infilando Anguissa come collante delle due fasi e fosforescente idea alternativa. Spalletti le rivoluzioni le fa in campo. Senza aspettare che il turnover diventi un esercizio classico tra un appuntamento e l’altro".

Il dato

"In nove gare, ha effettuato 43 cambi su 45 disponibili. Ha concesso minuti a chi ne voleva e ne ha tolti a quelli che andavano risparmiati".