Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Napoli miglior difesa del campionato, ma la coperta è corta: l’analisi

Amir Rrahmani (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Il Napoli ha costruito le sue fortune sulla difesa che spesso è il vero segreto della vittoria di trofei importanti

Domenico D'Ausilio

Il Napoli ha costruito le sue fortune sulla difesa che spesso è il vero segreto della vittoria di trofei importanti. La cura maniacale di Spalletti per tutti i movimenti difensivi ha fatto sì che i partenopei subissero davvero poco, soprattutto il gioco avversario. La sfida sarà proprio questa: se il Napoli saprà reggere alla forza d’urto dei nerazzurri che fin qui hanno dimostrato di poter segnare a tutti.

Napoli miglior difesa del campionato, ma la coperta è corta

 (Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

Per otto volte il Napoli ha tenuto inviolata la propria porta. Contro Venezia, Udinese, Sampdoria, Cagliari, Torino, Roma, Bologna e Salernitana nessun pallone è finito alle spalle di Ospina e Meret che si sono sporcati poco i guantoni. Eppure, il settore meno fornito di alternative sta reagendo alla grande. Se in attacco ci sono diverse varianti, così come a centrocampo nonostante le caratteristiche degli interpreti, in difesa la coperta è corta. Lo riporta l'edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno. È esplosa in termini di affidabilità la coppia centrale Rrhamani-Koulibaly. In assenza di Manolas, ultimamente sempre ai box per infortuni e comunque non sempre affidabile come in passato. A destra c’è Di Lorenzo che le gioca proprio tutte e anche sulla corsia non c’è una vera e propria alternativa valida. Così come a sinistra dove, in attesa di Ghoulam, Mario Rui sta facendo gli straordinari. In alternativa Juan Jesus non ha deluso ma ha un diverso passo rispetto al portoghese.