CdS – Napoli col 4-3-3: manca Jorginho. Le possibili soluzioni

CdS – Napoli col 4-3-3: manca Jorginho. Le possibili soluzioni

di Alessandro Silvano Davidde, @ASDavidde
Jorginho

Il Napoli di Gattuso sta provando a ritrovare la sua dimensione in campo col 4-3-3. Il Corriere dello Sport ha provato a dire la sua in merito evidenziando i principi di gioco del regista.

Il Napoli di Gattuso formato 4-3-3. Le differenze

 

Per cominciare, conviene dimenticare Jorginho. La sua natura verticale, quella tendenza sfacciata ad osare, andando a cercare gli angoli di passaggio più reconditi. Non ne nascono poi tanti di registi del genere e se ci sono, e ci sono, appartengono ad un calcio inavvicinabile. Mica solo economicamente ma anche – soprattutto – filosoficamente: non si vende un talento, se non a prezzi irragionevoli, come quei sessanta milioni sborsati dal Chelsea in una tranche. 

Jorginho non c’è più. Da un bel po’. Né il Napoli insegue qualcuno che lo scimmiotti o gli somigli, impossibile vivere nella nostalgia: ma si può fare diversamente, schermando la difesa – e dunque liberando Allan – con una protezione che non è solo fisica ma intellettiva. Attraverso un play esaltato da Hamsik e ritenuto compatibile e funzionale nella «languida ossessione» del 4-3-3.

Il nome

 

Lobotka ha i tempi, la padronanza del tempo di gioco e dei movimenti, una funzionalità e una immediatezza nel ripartire, e intorno a lui, poi, avrebbe centrocampisti di dinamismo e di corsa come Allan, di fascinoso palleggio come Zielinski e Fabian, uomini che sanno scandire le proprie irruzioni, alternandosi e provando a spaccare la trequarti avversaria.

Serviranno gli equilibri smarriti, ma anche quella ferocia che a Reggio Emilia, prima della sosta, Gattuso ha visto negli occhi di tigre dell’ultima mezz’ora, dopo sessanta minuti d’inconsistenza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy