Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Borja Valero su Inter-Napoli: “Spalletti sarà l’arma in più, è un tecnico unico”

Borja Valero (Getty Images)

Le parole di Borja Valero sul match di domenica pomeriggio che vedrà il Napoli impegnato alla "Scala del Calcio"

Francesco Casillo

Borja Valero, ex centrocampista di Fiorentina ed Inter, ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport ed ha parlato dell'imminente big match tra Inter e Napoli.

Borja Valero su Inter-Napoli

 (Photo by Emilio Andreoli - Inter/Inter via Getty Images )

Ecco le dichiarazioni dell'ex numero 20 spagnolo:

Su Spalletti

"Se c’è un tecnico capace di ribaltare l’ambiente, di portare subito idee e di aggiungere entusiasmo, quello è Luciano Spalletti. L’abbiamo visto subito anche noi all’Inter: è riuscito a ricostruire e a centrare gli obiettivi che il club aveva. Anche ora al Napoli ha avuto un impatto incredibile ed è meritatamente in vetta".

Sul metodo di Spalletti

"Metodo Spalletti? È bravissimo ad entrare nella testa dei giocatori, a farli sentire forti".

Sul Napoli 

"Se ha a disposizione una squadra con la qualità del Napoli, tutto è più semplice".

Sull'Inter

"Spalletti è riuscito a riportare l’Inter in Champions, l’inizio di tutto: la società voleva stare tra i grandi e ci è riuscita. In fondo, ha costruito le fondamenta su cui poi si è innestato il lavoro di Conte, straordinario e decisivo".

Su Brozovic

"Che intuizione quella di Brozovic... prima lo considerava un giocatore offensivo, ma sulla trequarti Marcelo non riusciva a dare il suo contributo. A quel punto lo ha portato qualche metro indietro ed è diventato un regista devastante, perfino unico: non esiste un altro centrocampista capace di fare così tante cose, tutte bene, come lui. Nell’Inter è cambiato il sistema di gioco, ma Brozovic è rimasto proprio là dove lo aveva messo Spalletti".

Su Perisic 

"Perisic? È stato decisivo perché rimanesse: Ivan per lui era davvero fondamentale, soprattutto per il suo modo di attaccare, da esterno alto e potente. Gli parlò a cuore aperto: “Per me sei fondamentale e non dovresti andare”. Alla fine, l’ha convinto e all’Inter l’ha fatto diventare un grandissimo. Poi negli ultimi anni Perisic è migliorato ancora di più".