Di Fusco: “Sarri-Napoli? Ritorno possibile ad una condizione”

di Sara Ghezzi
sarri

Il Napoli dopo l’eliminazione dall’Europa League dovrà ricominciare dal campionato per continuare la rincorsa al quarto posto valido per la Champions. Gli azzurri dovranno ripartire dal secondo tempo della sfida di ieri contro il Granada e soprattutto dal recupero degli infortunati. Infatti l’infermeria azzurra sta iniziando a svuotarsi e per Gattuso è un’ottima notizia. La squadra azzurra dovendo ora dedicarsi solo al campionato cercherà di recuperare terreno sulle avversarie dimostrando di poter uscire dal tunnel buio di questi mesi. La qualificazione in Champions è un obiettivo fondamentale per il futuro della società che molto probabilmente attuerà una rifondazione al termine della stagione. Questa stando alle voci delle ultime ore potrebbe prevedere il ritorno sulla panchina del Napoli di Maurizio Sarri. Della situazione in casa Napoli ne ha parlato l’ex portiere azzurro Raffaele Di Fusco al portale online Tuttomercatoweb.com.

Napoli-Sarri: ritorno possibile?

gattuso sarri
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Di seguito le sue parole:

“Ho detto in questi giorni  che la gara di ieri sarebbe stata comunque una svolta: il passaggio del turno avrebbe dato carica, in caso contrario Gattuso avrebbe potuto lavorare con una settimana intera a disposizione. Ecco adesso si possono preparare le partite e la Champions è ancora a portata di mano e può darsi che ci sia una svegliata. Il secondo tempo di ieri a livello caratteriale non è stato male: il primo è stato regalato, con un modulo adottato contro l’Atalanta per contenerla. Ma se devi vincere non serve, il primo tempo è stato toppato. Ora comunque possono rientrare un po’ di giocatori, anche Mertens si sta mettendo a posto”.

Sui giocatori

“Il Napoli è ancora in tempo per la Champions e sono fiducioso perché questi ragazzi non possono esser diventati brocchi“.

Sulla crisi del Napoli

” Il tecnico ha commesso degli errori ma a questo punto la responsabilità è di tutti. C’è stata poca chiarezza sul tema allenatore tra gli altri aspetti, ma in ogni caso le colpe vanno dallo staff tecnico a quello sanitario, dai giocatori alla società. Non è mai colpa di uno solo. Basta comunque una partita per ripartire”.

Sul possibile ritorno di Sarri

“Con Sarri noi abbiamo visto il più bel calcio degli ultimi anni. C’era però una rosa fatta apposta per quel tipo di gioco. Sarri ha bisogno di tempo e con lui occorre guardare più a lungo della punta del naso, ma con questa società non so se sia possibile. E’ da 4 anni che aspettiamo un terzino. Con Sarri bisogna cambiare molto di questa rosa e al tempo stesso serve un mercato immediato, il 99% fatto a giugno in modo da consentire a Sarri di lavorare bene nel precampionato. Ma negli ultimi anni abbiamo visto che gli acquisti di De Laurentiis necessitano sempre di tempi molto lunghi per essere perfezionati… “

Sui ruoli in società

“E poi occorre ristrutturare l’organigramma, non c’è una persona che faccia da trait-d’union tra squadra e società, non c’è un dg. De Laurentiis si deve mettere in testa che non può fare tutto lui”.

La squadra di Gattuso da domenica sera contro il Benevento ricomincerà la sua rincorsa alla Champions League per provare a centrale l’obiettivo stagionale della società.

QUI PER SEGUIRCI SU FACEBOOK

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy