Napoli arrembante e grintoso: due notti che danno speranza

Napoli arrembante e grintoso: due notti che danno speranza

di Alessandro Silvano Davidde, @ASDavidde
Napoli

L’edizione odierna de Il Mattino ha sottolineato come il Napoli potrebbe ripartire proprio da queste due notti: prima Coppa Italia e ieri campionato. Il Napoli ha tenuto testa alla terza e alla prima della classe, come se non ci fossero tutti quei punti di distacco. Ora è il momento di ripartire con altrettanta grinta e sicurezza.

Napoli, due notti che danno speranza

 

Due notti indimenticabili, meritatissime dagli azzurri e dai loro tifosi dopo mesi di sofferenza. Il Napoli ha battuto la Lazio – la squadra più tonica della serie A prima di presentarsi al San Paolo per il quarto di Coppa Italia – e la Juve – la capolista – regalando gioie alla sua gente e facendo affiorare i rimpianti per cosa (non) è stato. E Gattuso, abile dopo la partitaccia con la Fiorentina a scuotere i suoi uomini e a riorganizzarli tatticamente, sta giocando senza un pilastro per settore: Koulibaly, Allan e Mertens. Altri si lamenterebbero, lui no.

Il distacco di punti – prima 27, ora 24 – da Sarri, come da copione fischiatissimo quando è entrato in campo, non si è avvertito perché il Napoli comincia ad essere finalmente il Napoli. La partita è stata in equilibrio soltanto nella prolungata fase di studio nel primo tempo. Poi ci sono stati soltanto gli azzurri, che a Fuorigrotta non vincevano in campionato dal 19 ottobre e hanno interrotto questa negativa serie di risultati (4 sconfitte di fila) contro i più forti, in grado però di tirare in porta per la prima volta al 62′ con Higuain, a un minuto dalla rete di Zielinski, lesto ad approfittare della corta respinta su Szczesny sul bel tiro di Insigne.

Il capitano 

 

È stato giusto che fosse Lorenzo a mettere il suo sigillo sulla vittoria, lui che è stato il simbolo della fase più difficile di questa stagione (quella della rivolta del 5 novembre) e che adesso è l’orgoglioso capitano di una ciurma che non ha mollato quando la barca stava per sprofondare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy