Morte Maradona, la testimonianza delle figlie: “Marijuana e strane pasticche a papà”

di Domenico D'Ausilio, @dom_dausilio
morte maradona

A tre mesi dalla morte di Diego Armando Maradona, avvenuta il 25 novembre scorso, i magistrati di San Isidro e di Benavidez hanno nuovamente ascoltato due figlie dell’ex campione, le sorellastre Giannina e Jana. Lo riporta l’edizione odierna de Il Mattino.

CLICCA QUI PER L’OFFERTA DEL BAYERN A KOULIBALY

Morte Maradona, la testimonianza delle figlie

maradona
Photo Instagram Jana Maradona

Sono state integrazioni delle testimonianze raccolte il 28 novembre. Jana ha descritto non solo le ultime ore del padre, ma ha ricordato lo stato in cui viveva da quando era rientrato in Argentina, dopo le esperienze da allenatore negli Emirati Arabi e in Messico: “Lo vedevo spesso ubriaco e in nessuna occasione ho notato la presenza di Luque e Cosachov”. Ha ricordato di aver visto nei mesi precedenti il padre fumare marijuana con Carlos Orlando Ibanez. Era entrato nel clan di Maradona presentando un falso documento di identità in quanto ricercato per rapina a mano armata. E ha accusato Luque: “I medici della clinica Olivos, dopo l’operazione alla testa, avevano indicato un’altra struttura specializzata per la degenza ma lui si oppose”. Luque ha dichiarato che furono le figlie a decidere per il trasferimento di Maradona nella casa di Tigre.

La testimonianza di Giannina

Diego Maradona e Giannina Maradona (Photo by Ian Walton/Getty Images)

Gianinna ha detto che al padre veniva somministrata dalla psichiatra Cosachov: “Una droga, una misteriosa pastiglia che veniva mischiata all’alcol”. L’esame tossicologico dopo la morte del Pibe ha evidenziato presenza di psicofarmaci ma non di droghe o alcol. La donna ha sottolineato che i contatti con Diego erano complicati perché veniva continuamente cambiato il suo numero di telefono.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy