Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Insigne positivo al Covid, la confessione al medico del Napoli: il retroscena

(Getty Images)

Insigne intuisce che c’è qualcosa di diverso dentro di sé, telefona al medico del Napoli e confessa, risultando poi positivo al Covid

Domenico D'Ausilio

Altro che «affaticamento muscolare». Perché quando si sveglia, e sta per mettersi in macchina e andare a Castel Volturno, Lorenzo Insigne intuisce che c’è qualcosa di diverso dentro di sé, nulla di grave ma certo di strano, telefona a Raffaele Canonico, il medico del Napoli, e confessa. In casi del genere, e in epoca sospetta, è inutile tergiversare, conviene immediatamente «tamponare». E poco prima di mezzogiorno, quando già si è avuta percezione che il Covid fosse riuscito ad intrufolarsi in casa dello scugnizzo, il comunicato stampa ufficiale del Napoli toglie Insigne dalla lista dei convocati, chissà per quanto.

Insigne positivo al Covid, la confessione al medico del Napoli

 (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il 2021 di Insigne è già finito, si chiude con quella settantina minuti giocati con l’Empoli, porta dentro di sé l’indimenticabile estate dell’Europeo, racchiude la delusione di quel quinto posto nella passata stagione e poi si lascia inebriare da questo retrogusto dolcissimo d’un trimestre paradossale, capitano in uscita d’una squadra da sogno. Resterà a casa, come l’amico Ciro Immobile, anche lui appena fermato dal Covid. Non un bel segnale per il Napoli, non un bel segnale per il campionato. Niente Spezia e poi si vedrà, perché, ovviamente, in casi del genere non è possibile stilare tabelle, anche se il 6 gennaio c’è la sfida alla Juve. Lo riporta l'edizione odierna del Corriere dello Sport.