Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Gevi Napoli, Sacripanti: “Incontrerei Spalletti, Scudetto? Spero non vinca l’Inter”

Foto Napoli Basket

Guardi in alto la classifica dalla serie A di basket e dopo le squadre che ti aspetti, Milano e la Virtus Bologna nelle due prime posizioni, ecco Napoli, una neopromossa affiancata a quota 14 a Trento. Non un miracolo, ma quasi. Sulla...

Domenico D'Ausilio

Guardi in alto la classifica dalla serie A di basket e dopo le squadre che ti aspetti, Milano e la Virtus Bologna nelle due prime posizioni, ecco Napoli, una neopromossa affiancata a quota 14 a Trento. Non un miracolo, ma quasi. Sulla panchina dei campani Pino Sacripanti, uno dei migliori tecnici italiani che al progetto Gevi ha sempre creduto. Il tecnico degli azzurri ha rilasciato un'intervista ai microfoni del Corriere dello Sport, commentando il momento della sua squadra e quello del Napoli di Spalletti.

Sacripanti sul Napoli di Spalletti

 (Getty Images)

"Napoli è innamorata del football. Non nascondo che anche io se posso vado in tribuna a vedere la squadra di Spalletti. Non lo conosco personalmente, mi piacerebbe incontrarlo e scambiarci quattro chiacchiere. Io sono milanista, però vado a vedere i risultati di Insigne e compagni. Basta che a vincere lo scudetto non sia l'Inter".

Sul momento della Gevi

"Il terzo posto ci regala tanta soddisfazione. È un risultato, anche se la stagione è ancora lunga, al di sopra delle aspettative che certifica il grande lavoro di questa nuova società. Il presidente Grassi e i suoi soci Tavassi e Amoroso hanno lanciato un segnale forte e chiaro al nostro movimento. Hanno dovuto ricostruire la credibilità del basket partenopeo. A ruota sono arrivati i risultati. Lo scorso anno la Coppa Italia e la promozione , adesso questo piazzamento . Ora dobbiamo raggiungere il prima possibile la salvezza e intanto inquadrare la Final Eight Coppa Italia. La politica dei piccoli passi ci ha trasformati, per un po’ , in giganti. Godiamoci il momento. Mi rendo conto che le generazioni più giovani di tifosi non sanno cosa sia il basket di vertice. Siamo noi che dobbiamo farli innamorare".