GdS – Gattuso, tregua con squadra, club e ambiente: il gol di Bakayoko ha evitato la crisi

di Domenico D'Ausilio, @dom_dausilio

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport analizza il momento non positivo in casa Napoli. Dopo la vittoria di Udine, Rino Gattuso ha criticato il comportamento dei suoi giocatori. Prendendo spunto dalla pessima prestazione di Rrahmani, li ha accusati di smanettare troppo sui telefonini, li ha invitati a lasciar perdere le stupidate e a non considerare quello che dicono le radio e scrivono i siti. Il messaggio è stato indirizzato ai giovani, per ammissione dello stesso allenatore. Ma è nell’insieme che la squadra non convince, come non convince il gioco.

CLICCA QUI PER LE ULTIME SULLA VICENDA MILIK

Gattuso, tregua con squadra, club e ambiente

Gennaro Gattuso Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

La crisi è stata evitata all’ultimo respiro. Il gol di Bakayoko, nei minuti finali a Udine, ha evitato l’apertura della crisi, ma non l’ha allontanata. Al momento, è in corso una tregua tra allenatore, squadra, club e ambiente. Tuttavia, i problemi sono visibili e difficili da nascondere. Di certo, la discontinuità nei risultati non può essere attribuita al lavoro dei media. Sarebbe troppo banale se si volesse aggrappare alle critiche per mascherare gli errori commessi e che si commettono nella gestione tecnica. L’impressione, invece, è che la rabbia dell’allenatore sia provocata dal fatto che, finora, non è riuscito a trasmettere alla squadra il suo furore. Sensazione che viene confermata anche dalla fragilità caratteriale e la mancanza di determinazione che emerge in ogni partita. Spesso ci si perde nello specchiarsi nelle proprie qualità tecniche e si perde di vista la concretezza. Ci si illude di essere belli e, dunque, si limita la capacità realizzativa. Problemi che Gattuso sta già valutando dall’inizio della stagione senza trovare, tuttavia, la soluzione al problema.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy