De Laurentiis, nessuno ha speso quanto il Napoli a gennaio: previsione 123 milioni. E’ il preludio alla rivoluzione estiva

De Laurentiis, nessuno ha speso quanto il Napoli a gennaio: previsione 123 milioni. E’ il preludio alla rivoluzione estiva

Secondo il Corriere dello Sport il Napoli è la squadra che ha speso di più durante il mercato di gennaio

di Domenico D'Ausilio, @dom_dausilio
De Laurentiis, la decisione sulle multe

L’edizione odierna del Corriere dello Sport analizza quanto hanno speso i club in questa sessione di mercato. Il Napoli di De Laurentiis è la squadra che ha speso di più al mondo con 46 milioni di euro investiti, seguiti da Espanyol (39), Hertha Berlino (36) e Juventus (35). In previsione il patron azzurro può arrivare a circa 123 milioni da investire sul mercato.

De Laurentiis, pronta la rivoluzione a giugno

Aurelio De Laurentiis ha fatto saltare il banco ed ha avviato una rivoluzione che è cominciata l’11 dicembre, con l’esonero di Ancelotti, e continuerà ad oltranza, nella prossima estate. Matteo Politano è l’ultimo rinforzo, porta via (bonus inclusi) ventitré milioni di euro, da pagare in varie soluzioni. Prima di lui, ce ne sono voluti venti (e altri quattro di bonus per Lobotka) e dodici per Demme. Sessantatré milioni e mezzo per il terzetto del Verona e la sintesi sarà completa. Ora ci sono lodevoli intenzioni che conducono a Ricardo Rodriguez e anche ad Andrea Petagna e spingono al di là della soglia dei centocinquanta milioni di euro.

Cessioni illustri

Aurelio De Laurentiis ha rotto qualsiasi indugio, d’inverno in genere non lo fa, però stavolta ha usato il mercato di gennaio per anticipare quello di giugno e avviare una rivoluzione che ormai è nei fatti. Due difensori, due centrocampisti, un esterno di fascia difensivo e uno offensivo e un centravanti preparano a fronteggiare addii scontati (Callejon e Mertens) e separazioni dolorosamente probabili (Koulibaly, per esempio, e magari anche Fabian Ruiz).

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy