Coronavirus, il bollettino della Protezione Civile del 13 luglio: oggi -22 casi

Coronavirus, il bollettino della Protezione Civile del 13 luglio: oggi -22 casi

di Redazione
bollettino coronavirus protezione civile

La Protezione Civile, come di consueto, rende noti i dati del bollettino odierno 13 luglio dei casi di Coronavirus. Numero di tamponi effettuati, casi positivi, guariti e deceduti nelle ultime 24 ore sul territorio italiano.

CLICCA QUI PER I DATI NAZIONALI DI IERI

Coronavirus bollettino Protezione Civile 13 luglio

Casi attuali: 13.157 (-22)
Deceduti: 34.967 (+13)
Guariti: 195.106 (+178)
Totale casi: 243.230 (+169)

Conoscere il virus

Che cos’è un coronavirus?
I Coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la Sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

Sono virus RNA a filamento positivo, con aspetto simile a una corona al microscopio elettronico. La sottofamiglia Orthocoronavirinae della famiglia Coronaviridae è classificata in quattro generi di coronavirus (CoV): Alpha-, Beta-, Delta- e Gamma-coronavirus. Il genere del betacoronavirus è ulteriormente separato in cinque sottogeneri (tra i quali il Sarbecovirus).

I Coronavirus sono stati identificati a metà degli anni ’60 e sono noti per infettare l’uomo e alcuni animali (inclusi uccelli e mammiferi). Le cellule bersaglio primarie sono quelle epiteliali del tratto respiratorio e gastrointestinale. Ad oggi, sette Coronavirus hanno dimostrato di essere in grado di infettare l’uomo.

Il nuovo Coronavirus è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo.

Il virus che causa l’attuale epidemia di coronavirus (precedentemente denominato 2019-nCoV) prende il nome di SARS-CoV-2 (Severe Acute Respiratory Syndrome – Coronavirus – 2). Lo ha comunicato l’International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV) che si occupa della designazione e della denominazione dei virus (ovvero specie, genere, famiglia, ecc.). A indicare il nome un gruppo di esperti incaricati di studiare il nuovo ceppo di coronavirus. Secondo questo pool di scienziati il nuovo coronavirus è fratello di quello che ha provocato la SARS (SARS-CoVs), da qui il nome scelto di SARS-CoV-2. Per saperne di più.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy