Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Marcolin: “Zielinski l’uomo decisivo che andrà a giocare in verticale con Mertens”

Marcolin: “Zielinski l’uomo decisivo che andrà a giocare in verticale con Mertens”

Le dichiarazioni di Dario Marcolin sulla probabile formazione del Napoli contro l'Atalanta

Giuseppe Ferrara

Domenica andrà in scena il big match tra Atalanta e Napoli, a questo punto della stagione più che decisivo. Gli azzurri si presenteranno alla gara con diverse defezioni ed altrettanti dubbi dopo gli impegni con le nazionali. Infatti, diversi esperti di calcio si stanno focalizzando su quale potrà essere la scelta di Spalletti per gli undici titolari. Tra questi, c'è Dario Marcolin ex calciatore del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni analizzando la probabile formazione e gli uomini chiave.

Marcolin: "Provo a leggere il Napoli: Lobotka, Fabian e Anguissa, se ce la fa"

 (Getty Images)

In queste ultime gare si decide lo scudetto in Serie A. Ogni partita è fondamentale ed incappare in qualche punto perso potrebbe essere del tutto determinante. Il Napoli lo sa, ed infatti nella sfida di domenica contro l'Atalanta non dovranno essere commessi errori, in quanto il tricolore è vicino e questa squadra ha le giuste qualità per conquistarlo. Come spesso accade però i partenopei nei momenti importanti si ritrovano sempre con gli uomini contati, ed i dubbi di Spalletti si alimentano. Nella giornata odierna, Dario Marcolin, ex calciatore ha rilasciato alcune dichiarazioni a "La Gazzetta Dello Sport" analizzando i probabili undici di partenza per il Napoli.

Di seguito le sue dichiarazioni:

Provo a leggere il Napoli: Lobotka, Fabian e Anguissa, se ce la fa. Anche perché Zielinski ha giocato tanto e può essere un’arma per passare al 4-2-3-1, come a volte fa anche Gasp, che per questo può contare pure su Pasalic e Pessina: sarebbe Piotr l’uomo che andrebbe a giocare in verticale con Mertens. Se uno di loro non ce la fa, più Demme che Elmas: Spalletti lo vede più alto, contro la Lazio lo ha messo dietro la punta. Ma la sua vera preoccupazione sarà Koopmeiners.