Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Anguissa, rientro fondamentale: nei match persi in casa ha giocato solo 125 minuti

(Getty Images)

Anguissa è un rientro fondamentale per il Napoli contro la Roma, nelle cinque partite perse in casa ha giocato soltanto 125 minuti

Domenico D'Ausilio

La sua assenza si è sentita, eccome. Senza Frank Anguissa il centrocampo azzurro perde molto, soprattutto nei contrasti. Non c’era contro la Fiorentina e il gioco del Napoli è sembrato meno efficace. Gli azzurri hanno sofferto tanto l’organizzazione in mediana della Viola che in quel reparto ha costruito il suo successo. Non esiste un giocatore nella rosa, infatti, che possa sostituire il camerunense per le sue caratteristiche. Incontrista ma anche suggeritore, che non disdegna incursioni. Lo riporta l'edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno.

Anguissa, rientro fondamentale contro la Roma

 (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Una grande intuizione del mercato del direttore sportivo azzurro Cristiano Giuntoli che ha portato a Napoli, grazie a un prestito dal Fulham, un calciatore che fa la differenza in mediana. Lo dimostrano i numeri e le statistiche, ma anche l’equilibrio che riesce ad offrire in campo. Nelle cinque partite perse in casa, infatti, ha giocato soltanto 125 minuti e contro lo Spezia al Maradona ha disputato l’intera gara. Delle otto sconfitte interne lui c’era solo contro i liguri, appunto, e lo Spartak Mosca in Europa League (ha giocato solo il secondo tempo). Contro la Roma tornerà in campo e questo sarà fondamentale per arginare la squadra di Mourinho che ha grande forza a centrocampo.

tutte le notizie di