Davide Ancelotti, che stoccata: “Mio padre preferisce i giocatori di personalità. Addio al Napoli? Siamo rimasti una settimana senza squadra”

di Giovanni Ibello

Davide Ancelotti, figlio di Carlo e vice allenatore dell’Everton ha rilasciato una lunga intervista a “Il Calcio Inglese”. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione:

Ancelotti jr torna a parlare del Napoli

(Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

“A Napoli le cose sono andate diversamente da come ci aspettavamo. La gestione dello spogliatoio da parte di Ancelotti? Vuole un leader o un gruppo di leader. All’Everton per esempio c’è Seamus Coleman, uno che conosce tutto del club e sa che vuol dire vestire questa maglia. A Madrid ha avuto Ramos, Pepe. Nel Milan c’erano Gattuso, Ambrosini. Carlo non è un generale che vuole dei soldati, ma ci tiene molto ai calciatori di leadership. Se uno sgarra non lo fa tanto verso il tecnico, bensì verso i compagni di squadra”.

Davide Ancelotti parla anche del suo addio al Napoli: “L’ultima partita che abbiamo giocato con il Napoli è stata contro il Genk. Siamo rimasti senza squadra solo una settimana, l’Everton ci ha mandato un aereo privato. Appena siamo arrivati nella sede siamo stati accolti benissimo. Ci hanno detto che presto avremmo capito di essere al cospetto di un club speciale”.

SEGUICI SU TWITTER!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy