CdS – Ancelotti ora cambia: in campo solo chi ha anima, nessuno è intoccabile

CdS – Ancelotti ora cambia: in campo solo chi ha anima, nessuno è intoccabile

Carlo Ancelotti sta cercando le giuste soluzioni per ritrovare il Napoli e risollevare la stagione che non sta andando verso i giusti lidi. Ecco l’analisi del Corriere dello Sport

di Salvatore Amoroso, @sonosal_amoroso

Il Napoli sta cercando di ritrovarsi e di ritrovare la strada giusta per non far diventare la stagione completamente fallilmentare. Carlo Ancelotti, dopo il ritiro, proverà a cambiare le carte in gioco per dare una scossa definitiva. L’edizione odierna de Il Corriere dello Sport ha analizzato il momento del Napoli e le nuove, possibili, scelte di Ancelotti.

LEGGI ANCHE – ANCELOTTI VERSO L’ESONERO? PRONTO IL SOSTITUTO

CdS – ANCELOTTI SCEGLIE UN NAPOLI CON ANIMA

“Non punterà più sul talento puro, non è stato ripagato da queste scelte e quindi cambierà. Per risollevare la situazione in campo andrà chi ha un’anima, chi dimostrerà di averne una. A quel punto si traccerà la strada. Il 4-3-3 forse non è il modulo giusto, non c’è un regista bravo a far girare la squadra ma si proverà ancora, dopo la sconfitta con il Bologna, magari adattando Elmas in quel ruolo. I pilastri, intanto, perdono terreno. Callejon è già scivolato ai margini della squadra, Mertens non è più inamovibile, entrambi nel cast dei precari. Ormai nessuno è intoccabile. E il pericolo che la stagione sia fallimentare, Ancelotti ha scelto di affrontarlo a modo suo: il Napoli, da Udine in poi, dovrà avere gli occhi della tigre. Che sia 4-3-3 o 4-4-2 non importa, il risultato dovrà essere uno e uno solo: ormai sono dettagli marginali. Adesso è una questione di cuore”. 

Napoli
(Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Napoli in ritiro, i calciatori volevano disertare

“E’ il momento della resa dei conti. Carlo Ancelotti l’ha detto, a brutto muso, ai suoi calciatori. da domani sera, tutti in ritiro, senza se e senza ma. Un provvedimento, quello adottato dall’allenatore, che non ha ammesso repliche. Stavolta la decisione è stata sua e, volenti o nolenti, l’hanno dovuta accettare. Il malcontento s’è generato in men che non si dica e più di qualche calciatore s’è detto non d’accordo con la scelta del tecnico di andare in ritiro, perché non la ritengono necessaria per rimettere a posto le cose. Il gruppetto è quello solito, formato dagli stessi elementi che il 5 novembre scorso guidarono la squadra alla disobbendienza, a non rispettare l’ordine di Aurelio De Laurentiis che l’avrebbe voluta in ritiro. Il tentativo dei ribelli è stato respinto, in ogni modo, senza possibilità di replica. Nulla hanno potuto i calciatori davanti alla determinazione del tecnico”.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. JuianoKrollMaradona - 1 settimana fa

    Va be si scrive di tutto , a ruota liberA SUL NAPOLI,
    adesso dobbiamo recuperare un’anima, basta talento,tutta grinta e voglia,
    ma il primo che deve recuperare un’anima e’ il mister, che e’ molle,
    ben venga 4 bestemmioni,specialmente nelle partite,
    si scrolli di dosso il savoir-faire ,perche’ oramai siamo vicini al capolinea….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. infodeg_5257949 - 1 settimana fa

    Il Napoli come il governo: non ha un’anima, e il buon Carletto la invoca. E se invece chiedesse più gamba e più fiato? Questo non lo può pretendere perché la colpa é sua e dei suoi allenamenti, se mancano ai nostri prodi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy