Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

nazionali

Macedonia, Trajkovski: “L’Italia ha un grande gruppo, ma non sottovalutateci…”

DUISBURG, GERMANY - MARCH 31: Aleksandar Trajkovski of North Macedonia and Emre Can of Germany battle for possession during the FIFA World Cup 2022 Qatar qualifying match between Germany and North Macedonia at Schauinsland-Reisen-Arena on March 31, 2021 in Duisburg, Germany. Sporting stadiums around Germany remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Alex Grimm/Getty Images)

Le parole del calciatore macedone

Giovanni Montuori

Alex Trajkovski, calciatore della Macedonia che ha giocato anche in Italia con la maglia del Palermo, ha parlato ai microfoni di Calciomercato.com soffermandosi sulla sfida con la nostra Nazionale per la qualificazione al prossimo Mondiale. 

Macedonia, Trajkovski sulla sfida con l'Italia

 Aleksandar Trajkovski (Photo by Alex Grimm/Getty Images)

L'intervista a Trajkovski:

"Accoglienza?Penso di aver lasciato bei ricordi alla città, in Sicilia ho tanti amici. La gente farà il tifo per l’Italia, è ovvio, ma sarà emozionante rivedere un Barbera in festa per il calcio".

Cosa ricorda della ‘sua’ Sicilia?

"È stata l’esperienza migliore della mia carriera, nessuna città si può paragonare a Palermo. In quegli anni abitavo a Mondello. Sole, mare, lunghe passeggiate in spiaggia e pranzi a base di pesce. E poi i cannoli, che spettacolo". 

E in campo?

"Un’altalena di emozioni, positive e negative. La stagione 2015-16, con la salvezza in rimonta conquistata all’ultima giornata contro l’Hellas, resta irripetibile. Un’annata con nove cambi in panchina, in cui tutti ci davano per spacciati, ma chiusa con un miracolo grazie al supporto dei nostri tifosi. È triste ripensare al fallimento del 2019, Palermo non meritava quella fine". 

È arrivato sull’isola nel 2015, grazie al presidente Zamparini. 

"La sua scomparsa è stata un duro colpo. Maurizio è il presidente a cui sono più legato, senza dubbio. Per me e per la mia famiglia c’è sempre stato, se ho avuto la fortuna di giocare a certi livelli è merito suo". 

Adesso i playoff. Dove vuole arrivare la sua Macedonia?

"Per noi, essere qui è già qualcosa di unico. Però, visto che ci siamo, perché non provarci? Gli Azzurri sono campioni d’Europa, ma abbiamo le qualità giuste per metterli in difficoltà con la nostra compattezza e lottando sempre fino all’ultimo pallone. È così che siamo riusciti ad andare agli Europei. Giochiamo a casa loro, ma in una partita secca tutto può succedere".

Tra gli Azzurri c’è qualche sua vecchia conoscenza.

"Emerson, Belotti, Cristante. Sono grandi giocatori e ogni tanto ci sentiamo, anche se dopo il sorteggio non ci siamo detti nulla. Sarà bello incontrarci di nuovo a Palermo, dove ci siamo conosciuti e sono iniziate le nostre carriere". 

Cosa temete di più dell’Italia?

"Oltre a singoli formidabili come Verratti e Jorginho, contro cui non è mai facile giocare, la vera forza della squadra di Mancini è la capacità di far gruppo in momenti delicati. E non dobbiamo sottovalutare il tifo, la gente darà una carica incredibile alla squadra".

Le piacerebbe tornare a giocare in Italia?

"Il mio obiettivo oggi è quello di far bene qui in Arabia, insieme ai miei compagni. Quello dell’Al-Fayha è un bel progetto e sono felice di farne parte. Ma un giorno chissà, magari il Palermo tra due anni tornerà in Serie A...".