Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

nazionali

Cucchi difende Jorginho: “Mi auguro non venga usato come capro espiatorio”

ROME, ITALY - JUNE 11: Jorginho of Italy celebrates after victory in the UEFA Euro 2020 Championship Group A match between Turkey and Italy at the Stadio Olimpico on June 11, 2021 in Rome, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Difesa a spada tratta verso il metodista della Nazionale da parte di Cucchi, ricordando l'importanza che ha nell'Italia di Mancini

Ugo Panico

A “1 Football Club”, in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Riccardo Cucchi. Il giornalista e conduttore Rai ha dapprima ricordato commosso l'amico e collega scomparso poi ha commentato le vicende calcistiche della Nazionale e della lotta al vertice della serie A.

Cucchi: "Jorginho è un grande campione. Sono certo che a Belfast sarà in campo"

 (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Di seguito le parole di Cucchi:

Galeazziera un collega ed un amico, con cui ho condiviso emozioni sportive non solo legate al calcio. Era capace di coinvolgere il pubblico in maniera unica. Mi ha introdotto nel mondo del canottaggio nella mia prima olimpiade, quella del 1984. Poi, se c’è stata una tale reazione del popolo italiano alla sua dipartita, è perché è stato un uomo umile tanto quanto grande"

Sull'Italia

"Italia? Contro la Svizzera avremmo voluto tutti fare meglio. Il peso di essere ad un passo dalla qualificazione ci ha schiacciati, colpa anche dei fantasmi del precedente mondiale al quale non abbiamo partecipato. La vittoria dell’Europeo ha sancito la crescita importante di questo gruppo, ma l’obiettivo è quello di partecipare a Qatar 2022. Noi non siamo quelli di giugno, ma nemmeno gli elvetici: sono sicuramente più organizzati, oggi. La nostra superiore cifra tecnica non è venuta fuori".

Su Jorginho

"Jorginho? Mi auguro non venga usato come capro espiatorio, è un grandissimo calciatore, un grande campione, con una percentuale di realizzazione dagli undici metri altissima. Se quella palla fosse entrata dentro, staremmo qui a parlare di un eroe. Il percorso di Frello può essere paragonato a quello di Immobile: Ciro è stato preso di mira perché in Nazionale non fa gli stessi gol che fa in campionato. Sono certo che il centrocampista sarà in campo anche contro l’Irlanda del Nord".

Sulla lotta Scudetto

"Scudetto? In questo momento, e sottolineo in questo momento, Milan e Napoli sono favorite, ma bisogna riparlarne a maggio. Queste due squadre, oggi, hanno qualcosa in più alle altre, con gli azzurri che hanno dimostrato di saper giocare meglio di tutti a calcio. Certo è che se le prime in classifica continuano a tenere questi ritmi, nessuno potrà raggiungerle. L’Inter ha un margine di crescita enorme, mentre la Juve non so se sia in grado di lottare per il titolo: Allegri ha troppi problemi da risolvere, ma sono quasi sicuro arriveranno tra le prime quattro”.