Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

nazionali

Valentini: “L’Italia deve andare al Mondiale. Mancini ha comunque grandi meriti”

(Getty Images)

Le parole di Antonello Valentini sull'Italia di Roberto Mancini

Sara Ghezzi

Nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" in onda su Radio Marte è intervenuto Antonello Valentini. L'ex direttore generale della Figc ha parlato dell'Italia di Roberto Mancini che ha mancato la qualificazione diretta al Mondiale del Qatar del 2022. La Nazionale sarà infatti costretta a disputare i play off di marzo e la sua speranza è quella che il gruppo si ricompatti per evitare un nuovo fallimento dopo quello del 2017.

"L'Italia deve andare al Mondiale. Mancini ha comunque grandi meriti", le parole di Valentini

 (Getty Images)

Di seguito le sue parole a Radio Marte:

"Io ho fatto 7 Mondiali e 6 Europei. L'Italia deve andare al Mondiale, io non riesco a immaginare una cosa così. Quella di prima fu una sciagurata gestione di Tavecchio, Ventura e Uva, ora dobbiamo recuperare. Ci sono amarezza e delusione ma siamo facili agli entusiasmi così come alle depressioni. Ma non ci fasciamo la testa prima di rompercela, con il playoff possiamo recuperare.

Su Jorginho e i rigori

"Jorginho e i rigori? Le sensibilità degli spogliatoi, le tensioni del campo, sono anche queste. In quei momenti è difficile cambiare e decidere in un'altra maniera, perché il giocatore si è detto pronto a tirarlo, voleva in perfetta buona fede riscattare il rigore sbagliato all'andata e agli Europei".

Sul girone

"La partita di ieri sera è stata molto modesta che ci deve far suonare qualche campanello d'allarme. Però poi c'è il pareggio in Svizzera con il rigore sbagliato, il pareggio interno contro la Bulgaria in cui abbiamo lasciato via 2 punti incredibili. E poi anche il rigore fallito a 2 minuti dalla fine contro la Svizzera. Senza questo saremmo già in viaggio per il Qatar. Io ho visto tanti rigori sbagliati dall'Italia, l'unica gioia fu la vittoria di Berlino".

Sulla prestazione di ieri

"L'evidenza delle prestazioni non si può negare. C'è un problema di uomini, ne mancavano tanti come Pellegrini, Verratti e Immobile, il cuore della squadra - cioè il centrocampo - ha funzionato male. La gara di ieri l'avevamo impostata abbastanza bene ma poi non abbiamo realizzato nulla, a parte la chance di Di Lorenzo nel primo tempo. Ho visto Barella, Jorginho, Locatelli, Tonali abbastanza appannati. La squadra ha perso lucidità, brillantezza ed entusiasmo, non il cuore perché questo non si può contestare. Purtroppo le gambe vanno più lentamente ma questo riguarda tutto il calcio degli italiani. Questo è il meglio che si può convocare".

Su Mancini

"Mancini tra tanti meriti non ha mai escluso nessuno, si è sempre guardato attorno. Da questo punto di vista sta facendo bene il suo lavoro ma bisogna ritrovare entusiasmo, questo è un dovere".

Sui play off

"Questi playoff sono diversi, ora ci sono 3 gironi di 4 squadre con 2 teste di serie. La prima partita la giocheremo in casa, la seconda partita poi ci sarà il sorteggio per il campo di gara. La formula è molto più rischiosa ma continuo ad avere fiducia. Il momento è di passaggio e non è felice, qualche scelta poteva essere fatta meglio come quella del rigorista ma non possiamo buttare alle ortiche quello che abbiamo visto".