Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

nazionali

UEFA, Christillin: “La Coppa d’Africa si giocherà, decide la CAF. La FIFA…”

NYON, SWITZERLAND - JULY 18:  The UEFA logo is seen on the UEFA Champions League trophy as it is prepared for the UEFA 2014/15 Champions League third qualifying rounds draw at the UEFA headquarters, The House of European Football, on July 18, 2014 in Nyon, Switzerland.  (Photo by Harold Cunningham/Getty Images for UEFA)

Le parole della delegata UEFA

Giovanni Montuori

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuta Evelina Christillin, delegata UEFA in FIFA, che ha parlato della Coppa d'Africa.

Christillin sulla Coppa d'Africa

 (Getty Images)

Le parole della Christillin:

“La Federazione africana ha detto che la Coppa d’Africa si giocherà, è una decisione che spetta a loro. L’altro giorno abbiamo avuto un meeting internazionale promosso dalla FIFA ma non abbiamo parlato della competizione, solo dell’eventuale mondiale biennale. Se non ci saranno pronunciamenti a livello governativo politico, non cambierà tanto. Poi ciò che sta accadendo è sotto gli occhi di tutti, tra gare di Premier League, Udinese-Salernitana. Noi da FIFA stamattina abbiamo ricevuto un comunicato non inerente la Coppa d’Africa, quindi mi verrebbe da dire che non cambierà nulla e si giocherà regolarmente. Economia e potere spesso vanno a braccetto. Chiaramente la FIFA ha 211 Federazioni associate e rappresenta tutti.

Le confederazioni meno ricche e meno competitive sono favorevoli a questa proposta, anche perché giocano molto meno. Dall’altra parte però c’è il Comitato olimpico che si è detto contrario al mondiale biennale, disposto a escludere il calcio dalle Olimpiadi. Non basta che ci siano FIFA e UEFA schierate, gli attori sono tanti. Sull’aspetto economico la UEFA fattura più della FIFA. Contano i fattori economici ma anche di potere sul campo. Un’eventuale competizione senza squadre europee o sudamericane, anche dal punto di vista economico, sponsorizzazioni, sarebbe difficile da sostenere con i parametri previsti. Dal punto di vista dei diritti di voto uno vale uno, però è un problema di fondo il fatturato. In Inghilterra e purtroppo non a Napoli ci sarà la finalissima tra Italia e Argentina, il prossimo 1 giugno, tra i campioni d’Europa e del Sudamerica.

Qualificazioni ai Mondiali? La situazione è penalizzante per tutti, se mancasse l’Italia sarebbe ingiusto, così come il Portogallo. Bernardeschi è sempre stato bistrattato però ha tirato un rigore decisivo agli Europei, è un pedalatore che non ha giustizia e si sta prendendo la sua rivincita. Viva calimero Bernardeschi”.