Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

estero

Messi: “Sfide con Ronaldo? Nella storia del calcio. Tornerò al Barcellona”

SAINT PETERSBURG, RUSSIA - JUNE 26:  Lionel Messi of Argentina celebrates after scoring his team's first goal during the 2018 FIFA World Cup Russia group D match between Nigeria and Argentina at Saint Petersburg Stadium on June 26, 2018 in Saint Petersburg, Russia.  (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Il fuoriclasse per eccellenza Lionel Messi ha parlato al quotidiano Marca

Sara Ghezzi

Lionel Messi è tornato a parlare e lo ha fatto a Marca. Sono diversi gli argomenti trattati dalla Pulce argentina. Tra cui il Barcellona con la risposta al presidente Laporta e il dualismo con Cristiano Ronaldo. I due campioni che da anni sono sulla cresta dell'onda e che quest'estate hanno deciso di iniziare nuove avventure, l'argentino con il Psg e il portoghese al Manchester United.

"Sfide con Ronaldo? Nella storia del calcio. Tornerò al Barcellona", le parole di Messi

 Lionel Messi (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

Di seguito le parole di Messi al quotidiano Marca:

"Voglio sempre il meglio per il Barcellona. Sarò sempre un suo tifoso anche se ora non gioco più lì. Ho sempre detto che prima o poi tornerò a Barcellona perché è casa mia e perché ci vivrò. E ovviamente se posso contribuire e aiutare il club mi piacerebbe tornare".

Sul suo ambientamento a Parigi

"Ora sto molto bene. Mi sono completamente adattato, così come la mia famiglia. Il francese è più facile di quanto pensassi. All’inizio mi ha fatto strano allenarmi insieme con Sergio Ramos dopo tanti anni da rivali, ma la verità è che averlo come compagno è uno spettacolo. Mbappè è concentrato sul Psg, ma solo lui conosce il suo futuro".

Sul Psg favorito per la Champions League

"Tutti dicono che siamo i grandi favoriti e non nego che siamo una delle candidate sulla carta, ma abbiamo ancora bisogno di qualcosa per essere una squadra davvero forte. Dobbiamo finire di consolidarci come squadra e abbiamo il vantaggio di avere grandi giocatori per riuscirci. Ma non siamo gli unici, ci sono altre grandi squadre. La Champions League è una competizione molto difficile, che la rende così bella e speciale. Le squadre migliori ci sono e sta diventando sempre più complicato. Sì, siamo uno dei favoriti, ma non gli unici".

Su Cristiano Ronaldo

"Il Manchester United è una squadra molto forte con grandi giocatori. Cristiano conosceva già il club, ma era in un'altra fase e ora si è adattato in modo impressionante. Fin dall'inizio ha segnato gol come sempre e non ha avuto problemi ad adattarsi. In Premier non è così facile come tutti pensavamo, ma è una competizione molto difficile e uniforme. È passato molto tempo da quando abbiamo smesso di competere nello stesso campionato. Abbiamo gareggiato individualmente e in squadra per gli stessi obiettivi. È stato un palcoscenico molto bello per noi e anche per le persone perché si sono divertite molto. È un bel ricordo che rimarrà nella storia del calcio".

Su Xavi

"Sarà un allenatore molto importante per i giovani calciatori perché gli insegnerà tanto. Con lui la squadra crescerà molto. Non ho alcun dubbio. Parlo spesso con Xavi. Da sempre. Siamo amici, abbiamo condiviso tante cose e da quando se n'è andato siamo rimasti in contatto. Il ritorno di Dani Alves mi ha sorpreso, soprattutto in questo momento. Penso che possa essere una buona aggiunta, proprio come nel caso di Xavi può essere importante per i giovani. Li aiuterà a crescere perché è una persona vincente e trasmette molto".