Juventus, Sarri: “In Italia ci sarebbero stati due rigori per noi, ma ci adeguiamo”

Juventus, Sarri: “In Italia ci sarebbero stati due rigori per noi, ma ci adeguiamo”

di Mattia Di Gennaro
Sarri, si inserisce Zidane

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, dopo la sconfitta in Champions League per 1-0 contro il Lione, ha parlato in conferenza stampa. Di seguito le sue dichiarazioni.

Juventus, conferenza stampa di Sarri

Sarri, le parole dopo Milan Juventus
TURIN, ITALY – JANUARY 14: Juventus coach Maurizio Sarri during a press conference at Allianz Stadium on January 14, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Se è preoccupato: “Nel primo tempo abbiamo approcciato la gara lentamente, con poca aggressività, scadente. A volte questo approccio ci succede, senza venire a capo delle motivazioni. Il problema della palla mossa lentamente ce l’abbiamo, faccio difficoltà a farlo passare. Poi nella ripresa abbiamo fatto più ritmo, muovendosi senza palla, recuperando palloni nella metà campo avversaria e nel finale giocavano nella loro metà campo. E’ poco per una gara di Champions, per fortuna ci sono 90′ per mettere a posto la situazione. Se muoviamo la palla così però subiamo gli avversari e concedi. Stasera, però, non abbiamo concesso tanto esclusi i primi dieci minuti. Nella fase offensiva, per un ottavo Champions, abbiamo fatto poco”.

Sulle decisioni arbitrali: “In Italia ci sarebbero stati due rigori per noi, su Ronaldo e su Dybala. In Europa c’è un metro diverso e dobbiamo adeguarci”.

Sulle preoccupazioni del ritorno: “L’aspetto preoccupante è la lentezza nella manovra, non possiamo essere produttivi su questi ritmi. Dobbiamo spazzare via questo aspetto dalla prestazioni, anche all’interno di buone gare mettiamo dentro 15-20 minuti così”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy