Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

estero

Ancelotti e l’amore per il Real Madrid: “Club diverso, vincere è nel Dna!”

VALENCIA, SPAIN - SEPTEMBER 19: Carlo Ancelotti, Head Coach of Real Madrid looks on during the La Liga Santander match between Valencia CF and Real Madrid CF at Estadio Mestalla on September 19, 2021 in Valencia, Spain. (Photo by Aitor Alcalde/Getty Images)

Le parole del tecnico italiano

Giovanni Montuori

Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, ha parlato in una lunga intervista ad As e si è soffermato su vari temi legati al mondo del calcio. 

Ancelotti svela i segreti del Real Madrid

 (Photo by Andreas Schaad/Bongarts/Getty Images)

Le parole di Ancelotti:

"I Blancos sono un club diverso dagli altri, gareggiano così per il loro Dna, qui c'è l'obbligo di vincere, e ora ciò che voglio è arrivare alla doppia sfida contro il Psg senza infortuni. Quello che posso promettere è che ci saremo fino alla fine. Non c'è un chiaro favorito per questa competizione. Bayern, Liverpool e Psg lo sono quanto noi o l'Atletico Madrid, che potrà dire la sua. Le formazioni spagnole giocano un buon calcio, possono arrivare in fondo. Il sorteggio? È stato un errore clamoroso, ma un errore e niente di più.

Il Real Madrid ha una rosa di talento e qualità - dice Ancelotti -, l'allenatore deve dare fiducia. Il compito dello staff tecnico è trovare il giusto equilibrio tra giovani e veterani, un obiettivo che abbiamo raggiunto. Ma abbiamo già trovato un gruppo che l'anno scorso aveva sfiorato dei titoli.

Una rosa in cui brilla la giovane stella di Vinicius Junior: "Non ho mai visto un giocatore straripante come Vinicius, che è molto migliorato perché fa le cose con meno fretta di prima. 'Vini' sapeva fare le cose difficili e sbagliava quelle facili, ora si prende più tempo per fare le facili, e la cosa gli sta riuscendo bene". 

E poi c'è Benzema: è il migliore attaccante del mondo? "Credo di sì , perché ha aggiunto al suo calcio e alle sue capacità una grande regolarità realizzativa. Ne ha tanta quanto Cristiano Ronaldo o Haaland. Benzema è uno che fa la differenza, ed è in una forma spettacolare.

"Casemiro, Modric e Kroos sono il miglior reparto di centrocampo del mondo. Modric si prende molta cura di sé stesso. L'allenamento, la dieta... I calciatori attuali, anche se ci sono più partite, possono giocare a lungo. I giocatori che raggiungono l'età di Modric, Cristiano Ronaldo o Ibrahimovic hanno grandi meriti, perché sono stati molto professionali. Anche Kroos e Benzema possono raggiungere i 40 anni giocando ad alti livelli. Per un attaccante è più complicato perché c'è maggiore usura, ma possono farlo tutti e tre. In ogni caso, come dicevo, Kroos e Modric, con Casemiro, formano il centrocampo più forte del mondo. Hanno tante esperienza, quando giocano insieme non ci sono paragoni".