Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

estero

Aguero, addio al calcio in lacrime: “Prima la salute”. Anche il Napoli lo omaggia

BARCELONA, SPAIN - OCTOBER 30: Sergio Aguero of FC Barcelona looks to be injured during the LaLiga Santander match between FC Barcelona and Deportivo Alaves at Camp Nou on October 30, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by Alex Caparros/Getty Images)

Le parole di Sergio Aguero ufficializzano il suo addio dal rettangolo verde. Il Napoli decide di omaggiare il centroavanti argentino ricordando gloriose sfide del passato!

Francesco Casillo

Sergio Aguero dopo aver riscontrato dei problemi cardiaci lo scorso 30 Ottobre nel corso del match che vede contrapposte Barcellona ed Alaves, ha annunciato oggi il suo addio al calcio. Il Napoli come molte altre società ha deciso di omaggiare il campione argentino con un post sui suoi profili social.

Aguero dice addio al calcio giocato, il Napoli lo omaggia ricordando le sfide passate!

 (Getty Images)

Il kun Sergio Aguero saluta il calcio giocato a soli 33 anni. L'argentino dopo essersi sottoposto a svariati controlli è stato costretto a prendere una drastica decisione. L'aritmia cardiaca riscontrata impedirà al numero 9 blaugrana di scendere in campo. Il Napoli decide di omaggiare il centroavanti argentino ricordando la magica sfida degli azzurri all'ex Ethiad Stadium ora City of Manchester.

Di seguito le parole di Sergio Aguero:

"Questa conferenza è per comunicarvi che ho deciso di smettere di giocare a calcio. È un momento molto difficile, però sono felice della decisione che ho preso per il bene della mia salute. Ho preso la decisione 10 giorni fa. Ho fatto di tutto per vedere se c'era qualche speranza, ma purtroppo non erano molte. Lascio a testa alta. Non so ancora cosa succederà nel futuro, ma so di avere al fianco gente che mi vuole bene. Grazie anche ai giornalisti, ai tifosi di tutti i club in cui ho giocato. Porterò dentro ricordi molto belli, anche dell'ultimo periodo al Barcellona. Grazie al club che mi ha accolto benissimo, a chi è oggi qui che mi è sempre stato vicino. Alla mia famiglia, alla mia Nazionale. Credo di aver preso la decisione giusta, ho cercato di fare il possibile per aiutare i miei compagni a vincere. Grazie ancora a chi mi ha aiutato a crescere negli anni".