Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Bulldozer

Petagna, il calciatore “green” in stile Bud Spencer: Andrea è l’uomo in più del Napoli

WARSAW, POLAND - NOVEMBER 04: Andrea Petagna of Napoli during the UEFA Europa League group C match between Legia Warszawa and SSC Napoli at Wojska Polskiego Stadium on November 04, 2021 in Warsaw, Poland. (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Ieri, contro il Legia, Andrea ha dimostrato di essere un calciatore importante per la causa azzurra

Giovanni Frezzetti

Benevento, Sampdoria e Genoa: tre dei sei gol di Petagna in azzurro hanno generato nove punti di grande valore per il Napoli, a cavallo tra la gestione Gattuso e quella Spalletti. Ieri Andrea, contro il Legia, ha messo in campo una bellissima prestazione al servizio della squadra. Il Bulldozer si conferma un bomber gentiluomo: al gol preferisce il risultato.

Petagna, il calciatore “green” in stile Bud Spencer: l’uomo in più del Napoli

Petagna non sarà stato il centravanti più prolifico e talentuoso della recente storia del Napoli: ma quanti ne ricordiamo che come lui si sacrificano per la squadra non badando solo ai gol? Il Bulldozer, soprannome che rievoca il titolo di un film di Bud Spencer, ha dimostrato di meritare di giocare in una squadra di vertice: contro il Legia Varsavia ha lottato come un leone, ed ha anche servito un assist. Le sue caratteristiche sono note, e Spalletti sa come sfruttarle: è bravo a giocare spalle alla porta e a far salire la squadra, ha un buon controllo di palla ed è solito contribuire alla manovra arretrando la propria posizione. Insomma, caratteristiche che nel Napoli non ci sono.

Ma Andrea è anche altro, la sua particolarità riguarda anche la sfera esterna al campo di gioco. Con il rapper Sfera Ebbasta, Petagna ha aperto una catena di ristoranti, Healthy Color: cibo sano ed ecologia, questa la proposta originale del Bulldozer. Insomma, il “green”, in un modo o nell’altro, fa parte della vita di Andrea. Sul campo sta dando tantissime dimostrazioni: testa bassa e lavorare, e quando Spalletti lo chiama in causa si fa trovare sempre pronto. La maglia azzurra la merita. La scelta di restare all’ombra del Vesuvio, rifiutando la Samp ad agosto, lo stan pian piano ripagando. Napoli ha bisogno di Andrea: quando a gennaio ci sarà la maledetta Coppa D’Africa sarà sotto la luce dei riflettori. Petagna è un tassello fondamentale, lo sta dimostrando, e nel momento clou del campionato lo dimostrerà ancora.

A cura di Giovanni Frezzetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA