editoriali

Dries, ma tu si’ pazzo! Nel nome di D10S è il belga a rilanciare la corsa-scudetto

(Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Il Napoli torna a vincere e convincere. Prestazione autorevole quella degli azzurri che da subito hanno mostrato di essere motivati a ritrovare i tre punti. In goal Zielinski, spettacolare doppietta di Mertens e gran goal di Fabian Ruiz. Finisce 4-0

Ivan Scudieri

Napoli - Lazio 4-0. Non erano brocchi prima e non sono fenomeni adesso. Lo avevamo scritto nell'analisi post Spartak Mosca, lo ribadiamo oggi. Indipendentemente dagli uomini che scendono in campo, Spalletti ha a disposizione un gruppo che gli consente di poter proporre un buon calcio. E con le giuste motivazioni, una ottima organizzazione ed un pizzico di fortuna, si può continuare a sognare.

Napoli - Lazio 4-0, Mertens che doppietta!

 Foto by Getty

Chiudere un Novembre difficile era quasi d'obbligo per la formazione partenopea. La memoria di Diego Armando Maradona andava onorata con l'unico risultato possibile: la vittoria. E il Napoli ha subito mostrato di voler scongiurare l'aria di crisi che qualcuno aveva provato a far aleggiare in casa azzurra. Senza scampo, senza pieta, si è capito subito che sarebbe stata una serata speciale. Di certo speciale lo è stata per Zielinski che con il suo goal lampo ha dato un dispiacere a Sarri, Reina e Hysaj.  Capitolo a parte merita Dries Mertens, che ha meritato la standing ovation dello stadio per aver disputato una partita ai limiti della perfezione e realizzato una straordinaria doppietta. Chiude la pratica Lazio lo spagnolo Fabian Ruiz che con un gran sinistro mette il sigillo su una straordinaria vittoria. Il Napoli ha gestito il risultato con l'autorevolezza della grande squadra.

Considerazioni

 (Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

Koulibaly a parte, che tra l'altro ha disputato una gara sontuosa ieri, la Coppa d'Africa pare sia già arrivata. Il timore più ricorrente di tifosi e alcuni addetti ai lavori sembra essere la contemporanea assenza dell’asse centrale costituita dal difensore senegalese, dal centrocampista Anguissa e dal bomber Osimhen. Va da sé che non averli a disposizione non sarà una passeggiata, ma la rosa è ampia e la partita di ieri sera ne è stata la dimostrazione. Luciano Spalletti con la sua guida esperta dovrà essere capace di guidare gli azzurri a vivere una stagione che senza dubbio potrà essere importante. Bisogna crederci, essere consapevoli che qualche punto per strada si perderà inevitabilmente, ma che nulla è precluso a questa squadra che dopo 14 giornate guida con merito la classifica di Serie A. Mercoledì c’è il Sassuolo da battere per continuare a sognare e onorare la memoria di D10s.

L'aforisma

 (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Oggi vogliamo concludere con un omaggio a Diego Armando Maradona, e ricordarlo con una delle sue frasi celebri:

Tutti dicono: questo è stato il migliore del Barcellona, questo è stato il migliore del Real Madrid, questo è stato il migliore del Chelsea, questo è stato il migliore... Io sono orgoglioso di essere stato il migliore a Napoli