Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

calciomercato napoli

Berardi-Napoli, bella suggestione; Olivera, operazione avviata: le ultime sul mercato – Sky

(Getty Images)

Il punto sul mercato di Luca Marchetti

Giovanni Montuori

A Radio Marte, nel corso della trasmissione "Marte Sport Live", è intervenuto Luca Marchetti, giornalista ed esperto di mercato di Sky, che ha fatto il punto sulle trattative in casa Napoli soffermandosi sui possibili acquisti di Berardi ed Olivera.

Marchetti fa il punto in casa Napoli sulle trattative per Berardi ed Olivera

 Mathias Olivera (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Le parole di Marchetti:

"Sfatare il tabù Maradona? Lo si fa facendo il Napoli. Problema tattico? Di tutte le partite che il Napoli non fa vinto non c'è un minimo comun denominatore. Contro il Milan perdere in casa ci può stare, contro Empoli e Spezia si sono verificate situazioni particolari. La prestazione però è difficile che il Napoli non la faccia in campionato. Rientra anche un discorso di casualità. Credo che in questa parte della stagione la testa e le gambe debbano andare di pari passi. Il fatto che il Napoli sia tornato subito a vincere dopo il KO contro il Milan è importante a livello mentale perché resta lì. La partita contro il Milan era importante ma non decisiva. L'Udinese è in forma ma è assolutamente alla portata del Napoli".

Sulle scelte di Spalletti

"Stessa formazione che ha vinto a Verona? Più o meno sì, mi sembra che chi sia sceso in campo lì sia più in forma. Avevamo lamentato un'assenza di brillantezza sulle fasce e infatti le scelte sono state diverse. Magari Insigne nel frattempo ha recuperato un po' di brillantezza".

Sullo Scudetto

"La quota è più bassa, ovviamente ci sono tante squadre che lottano e il campionato è più avvincente. Italiane in Europa? Spesso eravamo legati alle prestazioni della Juventus, che in Europa non riusciva ad andare avanti. L'uscita di ieri apre a considerazioni di questo tipo. L'Inter in Europa ancora non è a quel livello, il Milan tornava in Champions dopo anni, il Napoli negli anni passati lo abbiamo visto. Forse l'uscita della Juve di ieri è episodica ma non bisogna ragionare solo su quella partita lì. La Juventus sembrava potesse competere solo con sé stessa, poi si è visto che qualcuno ha incrinato il monopolio. Purtroppo è sempre difficile avere equilibrio tra necessità di vincere e di programmare. Alcune società hanno portato più a ragionare in fase di programmazione che per altro".

Sul dopo Insigne

"Berardi? Bella suggestione, assolutamente pronto per fare il salto di qualità di squadra. Al Sassuolo si mettono in mostra in tanti ma non penso li vendano tutti. Se si punta qualcuno del Sassuolo bisogna muoversi".

Su Olivera

"Sono molto avanti, l'operazione era stata impostata e che si è provato ad anticipare. Non credo sia un'operazione in discussione, si sta lavorando affinché tutto vada liscio senza problemi.Il grande tema del Napoli è questo: rivoluzione o riparazione. Napoli lento nelle trattative? Dipende sempre quando iniziano. Il Napoli è lento quando si tratta di chiudere perché bisogna leggere le pagine di contratto ma non è che nelle trattative sia più lento di altri".

Su Juan Jesus e Anguissa e i portieri

"Confermati? Anguissa il Napoli lo vuole assolutamente tenere, Juan Jesus ha soddisfatto Spalletti. Portieri? Non ho tante certezze sul fatto che Ospina non sarà a Napoli. Insigne via è l'unica cosa sicura. Ghoulam anche andrà via, Mertens spero che per il Napoli e per lui si possa trovare l'accordo".