Pescara, il presidente: “Napoli, porte aperte per Gravillon. Verratti? Avevamo chiuso con gli azzurri”

Pescara, il presidente: “Napoli, porte aperte per Gravillon. Verratti? Avevamo chiuso con gli azzurri”

Pescara, il presidente: “Abbiamo tanti ragazzi in Nazionale. Verratti? Avevamo chiuso con il Napoli”

di Redazione


In diretta a “Un Calcio Alla Radio”, trasmissione condotta da Umberto Chiariello sulle frequenze di Radio CRC Targato Italia è intervenuto Daniele Sebastiani, presidente del Pescara:

Verratti, Insigne e Immobile domani forse di nuovo insieme? Noi in nazionale negli ultimi tempi abbiamo tanti ragazzi che sono passati per Pescara, questi sono quelli più conosciuti. Se consideriamo che Perin è venuto a Pescara, Politano che sta facendo bene all’Inter è cresciuto qui, Caprari che è stato chiamato è stato qui, Biraghi anche. La Nazionale è quasi targata Pescara e questo ci fa enormemente piacere.

Verratti al Napoli? Io ho sempre detto che all’epoca l’unica italiana che fece un’offerta seria per lui fu il Napoli. Avevamo chiuso e per me era un’operazione fantastica perché Verratti sarebbe rimasto un anno in più, perché forse Insigne anche sarebbe rimasto, rimanendo Zeman ,e perché c’erano calciatori azzurri che potevano venire a Pescara come Santana. Saltò perché se vi ricordate Verratti fece un’intervista in cui diceva che era Juventino. Gli ho detto “devi fare il professionista e che anche se tifi una squadra, devi essere pronto a giocare con chiunque”. È evidente che la cosa è andata così ed è giusto e corretto dire che il Napoli era l’unica squadra che aveva fatto un’offerta seria. Verratti adesso? Diciamo che il ruolo di Marco secondo me è il regista. Poi è chiaro che strada facendo si incontrano altri allenatori e ognuno vede i giocatori a suo modo e adesso lo vedono come interno di centrocampo, ma il meglio lo ha dato lì. I problemi fisici c’è anche da dire che hanno rallentato la sua crescita. L’unico che ha avuto una crescita più continua è stato Lorenzo. Immobile non dimentichiamo che all’estero ha avuto difficoltà.

Immobile in difficoltà all’estero? Non conosco tanti giocatori italiani che stiano facendo bene all’estero. Non voglio dire che in questo momento siamo sotto ad altre nazioni, ma se la Nazionale non va al mondiale nonostante tutti parlino di crescita evidentemente qualche problema c’è.

Ho parlato con De Laurentiis di Gravillon? Non ho mai parlato con De Laurentiis. Il presidente,però, sa che per lui le porte sono sempre aperte. Devo dire che questo ragazzo è monitorato non solo in Italia e mi dispiacerebbe se lasciasse l’Italia anche lui perché è davvero forte. Abbiamo osservatori dall’estero ogni settimana per lui. Se facciamo sempre scappare fuori dai confini quelli più bravi, qualche possibilità la perdiamo. Già nel finale dell’anno scorso aveva fatto vedere qualcosa di buono, quest’anno sta facendo bene, anche aiutato da Campagnaro, che sono avesse avuto qualche problema fisico sarebbe un grande protagonista in qualche club di serie A. Pescara brava nei giovani? Lavoriamo bene nello scouting. Non è mai capitato di avere tanti giovani nel giro delle nNazionali. Abbiamo giovani di grandissimo livello. Stiamo lavorando molto bene nel settore giovanile e pper lavorare con i giovani devi cercare in giro per il mondo i giocatori in giro per il mondo. Non ddimentichiamo che noi abbiamo ceduto un certo Torreira che oggi è protagonista con l’Arsenal. Devo ddare merito anche ad Oddo di avergli dato fiducia, nonostante qualche prestazione sottotono”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy