Zuniga ricorda i tempi di Napoli: “Che personaggi, bella banda” | FOTO

Juan Camilo Zuniga e la nostalgia per Napoli. Il terzino colombiano ha pubblicato su Instagram un vecchio scatto risalente al 2012: un’esultanza con i compagni di squadra azzurri. Edinson Cavani, Marek Hamsik, Gokhan Inler ed appunto l’esterno sudamericano. Nessuno di loro veste ancora la maglia del Napoli, quasi dieci anni dopo.

L’avventura di Zuniga a Napoli

Il 9 luglio 2009 viene acquistato a titolo definitivo dal Napoli, con cui firma un contratto fino al 2014. Esordisce con la maglia partenopea il 23 agosto 2009 nella prima di campionato contro il Palermo, subentrando a Jesús Dátolo. Chiude la prima stagione in maglia azzurra con 22 presenze, di cui 14 dal primo minuto.

Schierato all’occorrenza anche nel ruolo di esterno sinistro, il 20 febbraio 2011 realizza la prima rete in maglia azzurra e in Serie A, decidendo il match al San Paolo contro il Catania (1-0). Il 15 maggio 2011 realizza contro l’Inter il secondo gol in maglia azzurra siglando il definitivo 1-1, risultato che sancisce il ritorno del Napoli in UEFA Champions League dopo 21 anni dall’ultima partecipazione.

L’esordio nella massima competizione europea avviene il 14 settembre 2011 partendo dal primo minuto nella partita in trasferta contro il Manchester City, terminata 1-1. In questa stagione viene utilizzato stabilmente nel ruolo di esterno sinistro titolare nel 3-4-2-1 di Walter Mazzarri, cui si adatta proficuamente dopo qualche difficoltà iniziale a livello difensivo.

NAPLES, ITALY – JANUARY 12: Edinson Cavani (L) with his temmate Zuniga of SSC Napoli celebrates after scoring the opening goal during the TIM Cup match between SSC Napoli and AC Cesena on January 12, 2012 in Naples, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il primo trofeo e l’arrivo di Benitez

Il 20 maggio 2012 vince il primo trofeo italiano, la Coppa Italia, disputando da titolare la vittoriosa finale di Roma contro la Juventus. Anche nella stagione seguente, conclusa dal Napoli al secondo posto in classifica, è il titolare sulla fascia sinistra, disputando complessivamente 40 partite tra campionato e coppe.

Nella stagione 2013-2014, sotto la guida del nuovo tecnico Rafael Benítez, arretra nel ruolo di terzino sinistro nel 4-2-3-1 del tecnico spagnolo. Il 1º ottobre 2013 firma il prolungamento del contratto fino al 2018. Il 21 ottobre si sottopone ad un intervento chirurgico per rimuovere una calcificazione al ginocchio destro. A dispetto dei tempi di recupero inizialmente previsti, stimati in 6-8 settimane, torna in campo dopo sei mesi e mezzo, l’11 maggio seguente, alla penultima di campionato sul campo della Sampdoria. Chiude la stagione con otto presenze complessive e vince la seconda Coppa Italia, sebbene non venga mai utilizzato nel corso della manifestazione. La stagione 2014-2015 è sulla falsariga della precedente: colleziona 7 presenze in campionato e 10 complessive in stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy