Zoff: “La ripresa della Serie A è il minore dei mali, aspettiamoci tante sorprese”

Ai microfoni de Il Mattino, l’ex portiere della Nazionale, Dino Zoff, ha rilasciato un’intervista per parlare della ripresa del campionato di Serie A.

ZOFF SULLA RIPRESA DEL CAMPIONATO

Zoff

 

«Riprendere a giocare adesso è il minore dei mali»

Insomma, si riparte e si arriva fino alla fine, senza altre interruzioni.

«Esatto, eventuali paletti non aiutano a fare chiarezza. Mi riferisco alla storia della quarantena: cosa accadrà quando verrà fuori un altro tesserato positivo? Chi dovrà sottoporsi alla quarantena? E per quanto tempo? Regole che dovranno valere sempre e per tutti, senza alcuna distinzione. Non mi piacciono i discorsi di quegli addetti ai lavori che dicono: si riprende ma non sappiamo se arriveremo al traguardo».

La sensazione è che sia stata presa la decisione più appropriata?

«Le sensazioni non contano. Così come hanno poca importanza le opinioni di tecnici, dirigenti e calciatori. Il parere illuminante è quello degli scienziati: se sostengono che è il momento adatto per ripartire, dobbiamo fidarci».

Perché dice che tornare a giocare è il minore dei mali?

«Perché come al solito non ci siamo fatti mancare niente. Polemiche per i diritti televisivi, per chi voleva giocare e chi no, per la classifica che rischiava di restare compromessa e per un campionato che addirittura poteva essere cancellato».

Che campionato sarà quello giocato in due tronconi, con un intervallo di oltre tre mesi tra le due fasi?

«Vai a saperlo adesso, è un fenomeno anomalo perché mai abbiamo dovuto affrontare un’emergenza del genere. Aspettiamoci di tutto a livello di sorprese, almeno sarà garantita un minimo di suspence».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy