Gattuso insultato, tensione con Inzaghi: la Lazio si aspettava un Napoli “morbido”

Gennaro Gattuso e Simone Inzaghi, scintille in campo. Il finale di Napoli-Lazio sabato allo stadio San Paolo è diventato quasi un far west con le proverbiali risse da saloon: grossa tensione in campo tra i calciatori. Poi l’episodio che fa infuriare la panchina del Napoli, in particolare proprio l’allenatore. Un fisioterapista insulta il tecnico calabrese, che se la prende anche con il collega Inzaghi, che intanto difendeva il membro del proprio staff.

La Repubblica oggi in edicola spiega il motivo dietro l’accesa discussione. La Lazio si aspettava di trovare un Napoli più ‘morbido’, non così determinato a vincere l’ultima partita di campionato. Ma gli azzurri non hanno lasciato nulla in campo, seguendo le indicazioni del proprio allenatore. La miglior preparazione in vista del Barcellona al Camp Nou non poteva che essere una vittoria.

Inzaghi e Gattuso quasi alle mani: la verità dietro la lite

NAPLES, ITALY – AUGUST 01: SSC Napoli head coach Gennaro Gattuso and SS Lazio head coach Simone Inzaghi pose before the Serie A match between SSC Napoli and SS Lazio at Stadio San Paolo on August 01, 2020 in Naples, Italy. (Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

Sulle colonne del quotidiano si legge:

“Gattuso ha avuto dagli accesissimi 90’ con la Lazio le risposte che si aspettava dai suoi giocatori: dal punto di vista atletico e anche psicologico. Il Napoli ha infatti corso molto e si è adeguato bene al clima di battaglia imposto dagli avversari, che al San Paolo avevano bisogno dei tre punti per salire sul podio del campionato. Ma gli azzurri non hanno regalato niente e per questo sono saltati i nervi alla panchina ospite e a Simone Inzaghi, venuto quasi alle mani con Ringhio dopo una offesa razzista (“terrone”) rivolta al tecnico calabrese da un componente dello staff biancoceleste”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy