Serie A, Spadafora lavora alla trasmissione dei match in chiaro: arrivano le diffide delle tv

Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport, punta a trasmettere 2 o 3 partite della Serie A in chiaro. Nelle ultime ore, però, Mediaset e Discovery hanno inviato lettere di diffida.

Spadafora e le partite in chiaro

Spadafora, le parole sulla ripresa

Stando a quanto riferisce Il Corriere dello Sport, la possibilità che Sky scenda a compromessi al momento è più alta. L’emittente satellitare, infatti, dispone di un canale sul digitale terreste (TV8) e potrebbe mandare in onda alcuni match in chiaro.

L’accordo è lontano. Il quotidiano, oggi in edicola, sottolinea come sia più semplice che si arrivi alla messa in onda degli highlights sulla Rai e su Mediaset dopo il fischio finale.

Le parole del Ministro dello Sport

“Parliamo di un percorso complicato e difficile ma lo sport non è soltanto il calcio. Il calcio non è soltanto la Serie A. Siamo solo alle battute iniziali ma siamo già ad un punto di svolta. Gli allenamenti sono ripartiti, ieri il calcio è tornato in campo con la Coppa Italia. Resta da chiarire cosa deve accadere allo sport amatoriale e di contatto. Il ministro Speranza ha ritenuto di non autorizzare la ripresa del calcetto e di altri sport di contatto.

Dobbiamo continuare a rispettare il distanziamento sociale ed ad indossare la mascherina. Finché non potremo fare a meno di rispettare queste direttive allora queste attività non potranno riprendere. In tempi brevi sarà autorizzato anche l’accesso a fondo perduto a tutte le società dilettantistiche. Non dimentichiamo l’indennità di 600 euro, che verrà prorogata anche per chi è rimasto fermo a giugno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy