Salvini condanna per razzismo per i cori contro i napoletani

C’è una condanna per razzismo nel passato di Matteo Salvini. L’ex ministro dell’Interno, è stato destinatario di un decreto penale,  per avere violato la cosiddetta legge Mancino, quella che punisce chi compie azioni discriminatorie, per alcuni cori contro i napoletani. I fatti risalgono a una festa di Pontida del 2009, quando Salvini era capogruppo al Comune di Milano dell’allora Lega Nord e deputato da poco eletto al Parlamento europeo. Il coro anti-napoletani, ripreso da un cellulare, era finito online.

Repubblica

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy