Raiola attacca la FIFA: “Funziona come la mafia, se ne parli male poi muori. Infantino è l’artefice di tutto”

Mino Raiola, agente di mercato, ha ricevuto una sospensione di un anno da parte della FIFA. Ospite di SportVoetbalMagazine, il procuratori Insigne tra i tanti, ha parlato della questione. Di seguito quanto riportato da Tuttomercatoweb.

LE DICHIARAZIONI DI RAIOLA SULLA FIFA

“La FIFA è come la Mafia. Se ne parli male, muori. Puoi fare due cose: lottare contro la FIFA, questo è quello che ho fatto per anni. Con piccoli successi, perché sono l’unico che se n’è interessato. Avrei voluto cambiare la FIFA dall’interno. La prima cosa che avrei fatto è limitare a due mandati la presidenza, e fare in modo che tutti possano fare carriera a seconda della bravura. Ma questo non è possibile, perché distruggeresti il giocattolo degli incompetenti leader della FIFA. Quindi vai con l’opzione numero due: creare un nuovo sistema così che ci sia almeno una possibilità di scelta. Stiamo lavorando su questo. La FIFA è la FIFA, buona fortuna. Non vogliamo averci nulla a che fare, andiamo per conto nostro. La FIFA è finita, il vecchio sistema è finito. Questo è inizio di una nuova era, noi siamo alla base. È tempo per una rivoluzione. La FIFA ha un buon numero di dirigenti in prigione, che non sono sospesi dall’associazione mondiale del calcio stessa. Anni fa ho urlato che la FIFA è la mafia, mi hanno riso dietro. Intendevo dire: ha la stessa struttura e forma della mafia”.

LA CORRUZIONE DELLA FIFA

“È una famiglia corrotta, non violenta, ma molto opaca, focalizzata sull’accumulare potere e controllo con enormi conseguenze sul calcio. Dietro tutto c’è Gianni Infantino, mi hanno sospeso a livello mondiale e ora stiamo cercando il paese dove meglio “intervenire da dietro” nei confronti della FIFA. Mi hanno fatto male, ma anche dimostrato che quello che ho sempre pensato è vero. Infantino vuole limitare gli agenti e iniziare una banca della FIFA in cui controllare i trasferimenti, ma è solo una tattica per fare bella figura con l’opinione pubblica e non turbare i grandi sponsor dietro la FIFA. Vogliono tornare al totalitarismo comunista, non rispettano le leggi vigenti e sono un monopolista corrotto, che è illegale. Per questo va consentito ad un altro sistema di co-esistere. Questo è il mio obiettivo, voglio aiutare a creare un calcio migliore e forzare tutti a pensare criticamente”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy