Peppe Iodice a “Il Bello del Calcio”: l’esilarante lettera a Gattuso | VIDEO

Il comico Peppe Iodice ha accolto il nuovo allenatore Gattuso alla sua maniera. Una lettera ricca di ironia, che ha divertito l’intero pubblico di Canale 21. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“Non è la lettera di Natale, ma Rino Gattuso merita una lettera. Non ne facciamo una da parecchio e abbiamo visto i risultati, forse così sblocchiamo la situazione. E’ una lettera sentita, da tifoso, per dare il benvenuto a Gattuso. Ecco la lettera:’Questa lettera, o Gattuso, la scrive il tifoso appassionato solo per dirti int a che sang t’e menat? In quella panchina dove ora tu siedi, c’era fino a poco fa uno che si è arravugliato mani e piedi. Non è solo colpa sua se fino ad adesso si è perduto, ma Carletto m parev ches’er nu poc ‘nzallanut. Devo dire la verità. Una carriera costellata di successi e meraviglia, l’hanno buttata dentro al ce**o lui, il genero e pure il figlio. Se n’è andato, che tenimm a vedè (ride, ndr). Pensiamo a chist e mo. Ora, Righio, tocca a te, ci aspettiamo cos e pazz, pur se a dir la verità, abbiamo cominciato proprio ch’e ca**! Non è stato un grande inizio Contro il Parma si sono viste venti cape tutte imballate, mo l’e vattr soltanto per salvare ‘sto campionato”.

Peppe Iodice: “Ora una lista di cosa deve fare Gattuso”

“Dincell al capitano che non deve pensare soltanto alla multa, dagli un cazzotto in testa e fallo diventare ancora più corto. Dincell a Fabian Ruiz che illuminava Fuorigrotta, ma da due mesi a questa parte par o pesc pigliat c’a bott. Però nel senso emblematico, figurativo del termine… Dincell a Lozano (e non è una minaccia), fancell capì che tu nun o cacc. La prossima volta c’o guaglion s ‘mpacc, tu o sput ‘nfacc. Sempre nel senso metaforico del termine. Dincell a Llorente che se non si blocca, sali sopra una sedia e gli dai una capata in bocca. A livello di altezza non ci arriva. Dincell a Callejon, che vuole il contratto sicuro, o pigl a calci in cu… E mo che a Natale vedi De Laurentiis, dincell che dovete parlare solo tu e iss. E se porta il figlio dentro a qualche riunione, glielo fai ingoiare vivo il capitone. Senza offesa, parla solo il presidente e non il vice presidente. Finale enfatico: mio caro Rino, quest’anno va così, anche se ci rimane sempre la Champions League. Hai visto stamattina? Abbiamo preso il Barcellona, Gattù non bast tu, ‘ccà c vo nu pret ric***on. Enfatico, Gattuso siamo con te. Fate qualcosa, ci state facendo uscire pazzi (tono disperato, ndr)”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. JuianoKrollMaradona - 11 mesi fa

    PIU’CHE RIDERE, FA PIANGERE……..MA BO CHE IRONIA….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy