Dualismo Meret-Ospina, gerarchia ribaltata: Alex rassicurato dalla società

Il dualismo tra David Ospina e Alex Meret è iniziato con Carlo Ancelotti e pareva una caratteristica dell’ex tecnico del Napoli. Dopo l’arrivo di Gennaro Gattuso i più immaginavano l’italiano in vantaggio sul colombiano, ma la necessità da parte del nuovo allenatore di partire dal basso ha visto vincere l’ex Arsenal su l’ex SPAL.

Napoli, dualismo Ospina-Meret: gerarchia ribaltata

Foto SSCN

Stando a quanto riportato da Il Mattino, il dualismo tra Ospina e Meret proseguirà anche questa stagione (visti i tanti impegni), ma questa volta Alex pare in vantaggio su Davis: è scattata l’ora di Alex Meret.

All’inizio, almeno, sarà Meret il titolare. Se così si può dire. Perché quando partirà l’Europa League a metà ottobre poi sarà un incubo e inizierà il turnover. Nella scelta peserà anche un altro personaggio, appena arrivato alla corte azzurra: Valerio Fiori, ex di Lazio e Cagliari. È il nuovo preparatore dei portieri, ha preso il posto di Nista ed è una scelta che Gattuso ha indirizzato in prima persona. Doveva già arrivare a dicembre. Di lui Ringhio si fida ciecamente. Insieme in campo hanno vinto campionati, Champions e Supercoppa europea. L’ex rossonero era già stato il suo preparatore dei portieri durante l’avventura al Milan, dove ha seguito la crescita di Donnarumma. Ma è chiaro che se Meret ha deciso di restare è perché ha avuto rassicurazioni importanti: il portiere del futuro è lui e con Ospina non potrà che continuare a crescere avendo le spalle al coperto […]. Prevede cambi continui, ma con una gerarchia al momento ribaltata: Meret è davanti a Ospina. Lo è per età, per investimento fatto dodici mesi fa, per necessità di gettare le basi anche per il futuro

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy