Napoli-Atalanta, quando De Laurentiis inveì contro Nicchi e Rizzoli in diretta Sky (VIDEO)

Era il 30 ottobre dello scorso anno quando Aurelio De Laurentiis, dopo il mancato rigore su Llorente in NapoliAtalanta, ha inveito in diretta Sky contro Nicchi e Rizzoli e più in generale contro l’operato degli arbitri. A ricordare l’episodio è il giornalista Carlo Alvino in un tweet all’indomani di un episodio simile su Milik in NapoliLecce.

Napoli-Atalanta, le parole di De Laurentiis

“Siamo stanchi di essere involontari sostenitori della classe arbitrale. Questi signori venissero in campo a parlare con noi. Questo è il più bel gioco del mondo che state cercando di avvelenare. Ne abbiamo le tasche piene. Chiedo chiarezza e rispetto, a Nicchi e Rizzoli dico di metterci la faccia. Il problema non è se c’è o meno il rigore. Il fatto è che loro non stanno facendo bene il proprio lavoro. Io e gli altri presidenti abbiamo il diritto di essere ascoltati. Se no si beccheranno tutti gli italiani stanchi della loro arroganza. Bisogna far capire le cose. A velocità normale è rigore tutta la vita.

Questa loro supponenza ha stancato. Non discuto sulla valutazione. Se esiste il Var è inutile dare nove minuti di recupero alla fine. Inoltre buttare fuori Ancelotti, un signore, è una cafonata. Fossi in lui me ne andrei da qui, ci siamo stancati. Siamo noi a finanziare il calcio, altrimenti andrebbero tutti a pelare le patate. Fondassimo un partito, riusciremmo a cambiare questo sport in 30 minuti. Non possiamo pagare centinaia di milioni, non possiamo permettere che giochino squadre con 300 milioni di debiti. Questo è un calcio avvelenato, ne abbiamo le tasche piene. E io che investo milioni su milioni ho diritto di vedere le immagini del VAR”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy