Morte Maradona, sequestrato il telefono dell’autista: s’indaga sulla mattina di quel 25 novembre

La morte di Diego Armando Maradona sta lasciando strascichi evidenti. Sempre di più sono le circostanze misteriose che l’avvolgono. In particolare rispetto al trattamento che gli riservavano coloro che avrebbero dovuto prendersene cura.

Sequestrato il cellulare dell’autista di Maradona

sampdoria maradona
(Photo by Chris McGrath/Getty Images)

La Giustizia quest’oggi ha realizzato un’irruzione nella casa di Maximiliano Trimarchi, che lavorava come autista di Maradona. S’investiga anche su di lui per capire se ci sia stato un mancato rispetto della prassi nel trattamento medico dedicato all’ex Pibe de Oro. Comincerà ora la perizia informativa da parte dell’Unità di Analisi e Investigazione Digitale della Polizia Giudiziaria rispetto ai dispositivi elettronici utilizzati nel giorno della morte di Diego.

Il tentativo è quello di capire bene i contatti avvenuti la mattina dello scorso 25 novembre, giorno della morte di Maradona, per capire se ci sia stato mancato ottemperanza del soccorso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy