Barcellona, Messi: “Abbiamo dubbi su come sarà il modo dopo il Coronavirus, il calcio cambierà”

Lionel Messi, attaccante del Barcellona, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di El Pais Semanal. Il fuoriclasse argentino ha lasciato trapelare la propria commozione in merito all’emergenza Coronavirus. La pandemia, dopo una fase acuta in Europa, ha spostato il proprio epicentro nel Sud America. Il calciatore, quindi, ha tirato le somme di questi ultimi mesi parlando anche di come evolverà il calcio dopo questa emergenza globale.

BARCELLONA, PARLA MESSI

Messi

“Quasi tutti abbiamo il dubbio su come sarà il mondo dopo tutto quello che è successo. Oltre alla quarantena e quindi al blocco a cui abbiamo dovuto far fronte, molte persone hanno avuto momenti complicati. Molti, infatti, hanno perso amici e parenti senza nemmeno poterli salutare. Credo che ci siano stati molti aspetti negativi in ​​questa crisi. Non può esserci niente di peggio, però, che perdere le persone che ami di più. È una cosa che mi frustra enormemente e sembra ingiusto per tutti. Il calcio? Non sarà più lo stesso, così come la vita in generale“.

LA LIGA RIPARTE

Torna ad allenarsi anche la Spagna, tornano gli allenamenti di gruppo. Come riportato dal portale online di Sky Sport, i 42 club di Prima e Seconda divisione, sono chiamati al ritorno in campo potranno cominciare la vera e propria preparazione. 10 giorni per farsi trovare pronti al fischio di inizio previsto per l’11 giugno. Una ripresa che deve, però, avvenire sempre nella tutela della salute dei calciatori e secondo le decisioni dei medici. Non ci sarà più il limite di 14 persone presso il centro tecnico di riferimento bensì ogni società dovrà decidere in base alle proprie esigenze. Resta, invece, l’obbligo del rispetto di almeno tre metri tra gli atleti negli spazi chiusi. Obbligo di sanificazione per gli strumenti e le attrezzature in caso di utilizzo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy